Voci della Sanità 25 Marzo 2020

Coronavirus, Chimici e Fisici a Conte: «Misure specifiche a sostegno dei professionisti o rischiamo di sacrificare universo di competenze»

La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici Nausicaa Orlandi: «Ci sono anche molti Chimici e Fisici in prima linea in questa battaglia, professionisti che operano in ambito ospedaliero e sanitario che necessitano ancora oggi di adeguate protezioni da parte dello Stato»

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici (FNCF), insieme agli altri venti ordini professionali, si appella nuovamente al Governo per effettuare un intervento che preveda nella conversione del decreto-legge e nei decreti attuativi misure specifiche a sostegno di Chimici e Fisici e di tutti i liberi professionisti che, al pari degli altri lavoratori autonomi ed imprese, si troveranno in grande difficoltà nei prossimi mesi, visto l’aggravarsi della situazione economica, dei mercati e del mondo del lavoro.

LEGGI LA LETTERA DELLE PROFESSIONI AL PRESIDENTE CONTE

«Chimici e Fisici insieme a tutti gli altri liberi professionisti sono direttamente coinvolti dall’emergenza sanitaria in atto, coinvolti in quanto presenti al loro posto di lavoro al servizio di cittadini e Stato, e coinvolti perché i futuri scenari sanitari ed economici li vedranno ulteriormente in difficoltà», dichiara il Presidente FNCF, Nausicaa Orlandi. «I mesi che verranno saranno difficilissimi, sul fronte della tenuta della nostra economia e delle ricadute sul mondo del lavoro. Per questo motivo, non possiamo rischiare che un universo di competenze come quello costituito dai professionisti ordinistici sia sacrificato perché non adeguatamente sostenuto dallo Stato e abbandonato a sé stesso. Mi riferisco in particolare ai liberi professionisti che in quanto lavoratori autonomi sono tra i più esposti e quelli ad oggi esclusi dalle misure di tutela adottate dal Governo».

Il Presidente Orlandi ricorda inoltre che la tutela della salute collettiva è parte integrante del Dna di Chimici e di Fisici in tutti gli aspetti, proprio per le alte competenze che hanno su settori ad alto impatto e ricadute sulla salute, sull’alimentazione e sull’ambiente. «Il bene pubblico e delle generazioni future sono al centro del nostro impegno. Per questo – stante l’emergenza sanitaria in atto – confermiamo ancora una volta l’indispensabilità dei nostri professionisti con le loro competenze in ambito di sanificazione, produzione disinfettanti, produzione farmacologica, analisi cliniche, dispositivi medici, dispositivi di protezione individuale, sicurezza alimentare, salute ed igiene sul lavoro, gestione rifiuti e gestione impianti. Chiediamo pertanto al Governo misure forti di sostegno e coinvolgimento di Chimici e Fisici».

Proprio per far fronte comune per i liberi professionisti, le professioni ordinistiche si rivolgono in maniera unitaria al Capo del Governo chiedendo di essere parte attiva nella definizione delle misure per contrastare l’emergenza e di poter accedere a tutti gli strumenti di tutela del lavoro e della salute, dai quali sono stati sin qui esclusi.

«Ci sono anche molti Chimici e Fisici in prima linea in questa battaglia, professionisti che operano in ambito ospedaliero e sanitario, esposti direttamente al rischio di contagio, e che necessitano ancora oggi di adeguate protezioni da parte dello Stato. Il loro numero è troppo esiguo. Abbiamo bisogno di un intervento urgente da parte del Governo nell’ambito del SSN per inserire ulteriori figure professionali Chimici e Fisici determinanti nel fronteggiare l’emergenza sanitaria da Coronavirus».

Il 24 marzo, le Professioni Ordinistiche Italiane, aderenti al Comitato Unitario Professioni (CUP, alla Rete Professioni Tecniche (RPT) e l’Ordine dei Commercialisti, hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per informarlo della loro intenzione di procedere in maniera decisa per affrontare la grave emergenza sanitaria causata dal Covid-19, mantenendo e consolidando un rapporto unitario per elaborare iniziative e proposte che consentano al più presto al Paese di recuperare a pieno regime le proprie attività ed ai propri iscritti di superare questa fase di emergenza che, purtroppo, rischia di protrarsi a lungo con gravi conseguenze.

Articoli correlati
«Io mai discriminata, ma bisogna combattere stereotipi di genere». Parla Nausicaa Orlandi (Chimici e Fisici), una delle donne del CTS
Il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha nominato sei donne nel Comitato Tecnico Scientifico per integrarlo con la presenza femminile. Tra loro la Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici: «La nomina un grande riconoscimento per noi». Sui luoghi di lavoro una delle sfide per la Fase 2: «Serve cultura della sicurezza, controlli e regole chiare»
Covid19, nel CTS entra anche la Presidente dei Chimici-Fisici Nausicaa Orlandi: «Grande riconoscimento per la professione»
La Orlandi, membro di diritto del Consiglio Superiore di Sanità, è stata chiamata a far parte del Comitato Tecnico Scientifico dal Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli
Dl Liquidità, Chimici e Fisici chiedono modifiche. Orlandi (FNCF): «Potenziare risorse nelle strutture sanitarie»
La Federazione dei Chimici Fisici sottolinea anche il problema delle scuole di specializzazione: «Valutare la possibilità, per la durata dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, di permettere l’assunzione di dirigenti sanitari Chimici e Fisici, anche qualora gli stessi non abbiano scuola di specializzazione di area non medica»
Fiducia decreto Cura Italia, spazzati via emendamenti importanti come il riconoscimento del lavoro usurante
di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC
di Alessandro Vergallo, Presidente AAROI-EMAC
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco