Voci della Sanità 21 Gennaio 2019 18:46

Consulta salute mentale, nel Lazio e a Roma rischio emergenza

“Per la grave carenza di personale e per il progressivo svuotamento dei Servizi psichiatrici territoriali ed ospedalieri”, a Roma e nel Lazio sono a rischio “i livelli essenziali di cura con gravi ricadute sulla salute dei pazienti e pesanti ripercussioni sulle famiglie”. Lo sottolineano la Consulta regionale per la salute mentale e quella cittadina permanente […]

“Per la grave carenza di personale e per il progressivo svuotamento dei Servizi psichiatrici territoriali ed ospedalieri”, a Roma e nel Lazio sono a rischio “i livelli essenziali di cura con gravi ricadute sulla salute dei pazienti e pesanti ripercussioni sulle famiglie”. Lo sottolineano la Consulta regionale per la salute mentale e quella cittadina permanente per la salute mentale di Roma Capitale, dopo un incontro tenuto oggi per informare circa lo stato in cui versa l`assistenza psichiatrica pubblica a Roma e nel Lazio. “A fronte di un aumento delle problematiche psichiatriche complesse – si legge nella nota congiunta – che solo a Roma riguardano circa 35.000 pazienti in trattamento nelle tre ASL, va sempre piu` impoverendosi la rete di cura, con offerte di presa in carico disomogenee e assolutamente inadeguate alle necessita` cliniche, non rispettose dei bisogni di salute dei cittadini e che non garantiscono a tutti gli stessi obiettivi di efficacia, di appropriatezza delle cure e di accesso ai Servizi. Tutto cio` si sta consolidando nel silenzio e nell`indifferenza, penalizzando e discriminando le fasce piu` vulnerabili ed economicamente piu` deboli dei cittadini”. In particolare, la Regione “non ha accolto le proposte di modifica del tetto di esenzione alla compartecipazione per le SRSR (strutture residenziali socio riabilitative) cosicche` ad oggi le famiglie con un ISEE pari o superiore a euro 20.000 dovranno pagare ogni mese euro 1.944 + iva (quota sociale pari al 60%)”. Mentre il Campidoglio “vorrebbe procedere con un TSO (trattamento sanitario obbligatorio) per risolvere il dramma dei senza fissa dimora.Sarebbe un pericoloso ritorno al passato, l`azzeramento dei principi della riforma psichiatrica, trasformare un atto sanitario in un provvedimento di polizia urbana”. Tutti i componenti delle due Consulte per la salute mentale “auspicano che la Regione Lazio e Roma Capitale maturino in tempi brevissimi un intelligente ripensamento politico, restituendo all`assistenza psichiatrica e alla tutela della salute mentale una definizione omogenea ed organica degli obiettivi e delle strategie d`intervento per l`eliminazione delle profonde differenze e disuguaglianze che caratterizzano la continuita` terapeutica nella presa in carico, tenendo conto dei principi della dignita` della persona, dell`equita`, della qualita` e dell`appropriatezza nell`accesso alle cure”.

Articoli correlati
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi