Voci della Sanità 16 Gennaio 2019 12:29

Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie

L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]

L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il convegno che riunisce a Torino i più autorevoli cardiologi italiani e internazionali. Tra il 17 e il 19 gennaio al Lingotto, il simposio da voce alle diverse scuole della disciplina affrontando la continua evoluzione delle conoscenze sulle terapie per il cuore.

«La cardiologia cambia, come ogni medicina, non è statica e la teoria e le possibilità di intervento sono in continua evoluzione. Per questa ragione, vogliamo mettere a confronto le scuole di pensiero e i diversi approcci, riunendo in un grande convegno i luminari della disciplina, provenienti dall’America e dall’Europa. Change in Cardiology vuole segnare un cambiamento nel modo di fare formazione coinvolgendo i tanti professionisti che intervengono sempre più da settori diversi e che diventano figure chiave nel trattamento del pazientespiega il Dottor Giuseppe Musumeci, Direttore della struttura complessa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo».

Nel corso della tre giorni saranno discusse le ultime scoperte nell’ambito della cardiologia interventistica e generale. In questo senso l’Italia è il primo paese in Europa per trattamento efficace dell’infarto miocardico acuto e una delle principali novità ad apertura del convegno verterà infatti sul tema, decisivo per la riduzione della mortalità del 20-25% che si è registrata negli ultimi vent’anni. Nel nostro Paese si eseguono circa 600 interventi di angioplastica primaria per milione di abitanti, il valore definito ideale, che in Europa raggiunge solo la Germania. Il che pone l’Italia ai vertici assoluti» commenta Musumeci.

A Torino arrivano, ad affrontare questi argomenti, alcuni tra i più importanti luminari della cardiologia internazionale: con tre esperti dagli USA – Dr. Joseph Angiolillo, Dr. Roxana Mehran e Dr. Robert Giuliano – si discuterà degli aspetti più controversi e delle ultimissime novità riguardanti queste due problematiche. Tema d’attualità sarà anche la terapia ipolipemizzante nel paziente ad alto rischio e quindi il rapporto colesterolo e malattia coronarica. Esistono oggi nuovi farmaci/anticorpi monoclonali che abbassano la mortalità del 50% nei pazienti cardiopatici. Saranno inoltre affrontate le novità più recenti in tema di terapia anticoagulante per i pazienti portatori di fibrillazione atriale andando ad approfondire le caratteristiche dei nuovi farmaci anticoagulanti orali che riducono i rischi di ictus cerebrale dimezzando quello da sanguinamento intracranico.

Verranno inoltre trattati i progressi in ambito di cardiologia interventistica, quella coronarica e soprattutto quella strutturale cioè la possibilità di intervenire sulla valvola aortica e sulla mitrale senza intervento chirurgico e si parlerà di elettrofisiologia andando ad approfondire gli ultimi progressi sulla terapia elettrica del cuore. Le ultime evoluzioni tecnologiche permettono infatti di trattare in modo sempre più efficace e meno invasivo sia i disordini del ritmo cardiaco che le patologie coronariche e in ultimo quelle valvolari in casi selezionati.

Le nuove metodiche diagnostiche e terapeutiche saranno affiancate dalle più moderne terapie farmacologiche salvavita. Una speciale sessione infermieristica affronterà con un’attenzione particolare il rapporto tra medico e paziente. Le novità saranno affrontate con casi clinici registrati in ospedale (Live in the Box) che prevedono una partecipazione interattiva dell’audience e dei Flash Debate tra i massimi esperti che interverranno su argomenti controversi mentre nell’interventistica strutturale si terranno dibattiti Tips&Tricks con confronto diretto e interattivo.

Articoli correlati
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
Al via Ammuravid, lo studio per trovare la cura migliore per i pazienti Covid ospedalizzati
Approvata da Aifa e promossa da SIMIT, coinvolgerà 27 centri e migliaia di pazienti. Andreoni (Tor Vergata): «All’esame un trattamento con farmaci diversi per capire quali sono in grado di bloccare la tempesta di citochine nei pazienti ospedalizzati»
di Federica Bosco
Scarsa aderenza terapeutica, Stazi (cardiologo): «L’11% degli anziani deve prendere ogni giorno anche più di dieci farmaci»
«Per le dislipidemie e l’ipertensione sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato senza importanti conseguenze collaterali. Da preferire – spiega a Sanità Informazione - la polipillola, in modo da ridurre il numero di compresse assunte»
Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»
In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l'accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco