Voci della Sanità 6 Ottobre 2017

Bari, le nuove frontiere della pneumologia

Ѐ in corso a Bari in questi giorni il convegno di aggiornamento medico sulle nuove prospettive in ambito pneumologico, presso il The Nicolaus Hotel. I Responsabili scientifici dell’evento sono Mauro Carone, Presidente della sezione regionale Puglia dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) e Stefano Gasparini, Presidente AIPO.

Il panorama terapeutico della Pneumologia è stato investito da una vera e propria rivoluzione che ha visto l’entrata in scena di nuovi e più potenti farmaci inalatori per il trattamento delle patologie respiratorie croniche ostruttive: beta2-agonisti ultra long-acting, nuovi anticolinergici, nuovi e più efficienti sistemi di inalazione e nuovi farmaci biologici.

L’incontro di Bari vuole quindi essere un’opportunità di confronto e aggiornamento sulle nuove terapie a disposizione per il trattamento di patologie quali asma e broncopatia cronico ostruttiva (bpco). Ampio spazio verrà inoltre dedicato alla cura della Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) patologia sempre più sotto i riflettori anche grazie all’introduzione in commercio di nuovi farmaci che sono in grado di rallentare il decorso della malattia e di migliorare la qualità di vita dei pazienti e allo sviluppo di nuovi percorsi diagnostico terapeutici. Altro tema al centro del dibattito con una tavola rotonda dedicata sarà il recepimento da parte dell’Italia della normativa europea sul rilascio e/o rinnovo delle patenti di guida in caso di sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSA), nonché le implicazioni mediche e sociali di questa patologia.

Obiettivo ultimo di questa due giorni barese sarà comprendere come le importanti novità sia in ambito farmacologico che clinico unitamente alla forte spinta data dallo sviluppo tecnologico che stanno investendo la Pneumologia possano essere gestiti e orientati al fine di migliorare la qualità di vita dei pazienti affetti da patologie dell’apparato respiratorio.

QUI IL PROGRAMMA SCIENTIFICO DELL’EVENTO

Articoli correlati
Giornata mondiale polmonite, il presidente degli pneumologi Vaghi spiega perché quella interstiziale è così pericolosa
«La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte tra i pazienti Covid». Attenzione ai sintomi: «Anche se il tampone è negativo, la polmonite può essere da SARS-CoV-2. Questi pazienti se ricoverati erroneamente in area non Covid contribuiscono alla diffusione nosocomiale del virus»
di Isabella Faggiano
Covid-19, lo pneumologo: «Alcuni pazienti non guariscono del tutto»
Corsico (direttore Pneumologia San Matteo Pavia): «Molti ne escono completamente, per fortuna, ma ci può essere chi invece avrà delle alterazioni che non si risolveranno completamente. In autunno rischiamo di mettere in quarantena il milione di persone che contrae la comune influenza»
Covid-19, Aipo: «Il 94% delle Pneumologie è in prima linea nella lotta contro l’infezione»
La survey, promossa dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, ha analizzato attraverso due questionari, come è cambiata la risposta organizzativa della specialità con l'emergenza sanitaria e il crescente bisogno di cura dei pazienti
Covid-19, Aipo: «Pneumologia italiana allertata e pronta»
L’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri: «Un’importante sfida per il nostro SSN che si è pienamente dimostrato all’altezza nel rispondere a questa complessa e difficile situazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli