Voci della Sanità 28 Marzo 2023 18:21

Assistenti sanitari, AsNAS ricorda il valore della prevenzione e della promozione della salute per la comunità

A Cremona 140 Assistenti sanitari da tutta Italia riuniti per approfondire il percorso delle politiche di prevenzione e la condivisione di metodologie, pratiche e strumenti utili per continuare ad essere “costruttori di salute” all’interno delle comunità

Si è svolto sabato 25 marzo a Cremona, nella splendida cornice del Campus di Santa Monica, il convegno dell’Associazione Nazionale Assistenti Sanitari dal titolo “Il valore della prevenzione e della promozione della salute per la comunità”. L’evento ha radunato a Cremona 140 Assistenti sanitari da tutta Italia, per approfondire il percorso delle politiche di prevenzione e la condivisione di metodologie, pratiche e strumenti utili agli Assistenti sanitari per continuare ad essere “costruttori di salute” all’interno delle comunità.

Tra le autorità istituzionali sono intervenuti, in apertura dei lavori: per il Comune di Cremona, la Consigliera Fabiola Barcellari, per ATS della Val Padana, la dott.ssa Laura Rubagotti, per l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione di Cremona, la dott.ssa Stefania Simonetti e, per la Fondazione Internazionale di Ricerca in Medicina Onlus, il dott. Alberto Bottini.

Il convegno si è aperto con la relazione della Presidente nazionale AsNAS, Elena Nichetti, che ha descritto il ruolo dell’associazione tecnica scientifica tracciando gli ambiti prioritari su cui avviare l’attività di ricerca. A seguire, Walter Montini (già presidente della Scuola di Assistenti sanitari della Croce Rossa Italiana di Cremona e docente di sociologia del Corso di laurea in Assistenza sanitaria dell’Università degli Studi di Brescia) ha ripercorso le fondamentali tappe del percorso di crescita ed evoluzione della figura dell’Assistente sanitario, sottolineandone la straordinaria attualità, mentre Filippo Bauleo (medico di sanità pubblica e direttore delle riviste del Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria dell’Università di Perugia) ha proposto un’analisi critica delle politiche di sanità pubblica del passato e del presente del nostro Paese. Hanno concluso la mattinata gli interventi di Giuliana Bodini (Coordinatrice del Comitato scientifico di AsNAS), che ha delineato le caratteristiche del profilo professionale dell’Assistente sanitario, e Paolo Contu (Professore Ordinario di Igiene dell’Università di Cagliari e Vicepresidente per l’Europa dell’International Union of Health Promotion and Education), sugli standard internazionali per il riconoscimento delle competenze in promozione della salute, standard soddisfatti, in Italia, dai professionisti Assistenti sanitari.

Il pomeriggio è stato dedicato ad un’analisi tesa alla valorizzazione delle competenze dell’Assistente sanitario alla luce del PNRR e della riorganizzazione della medicina territoriale prevista dal Decreto ministeriale n. 77/2022, a cura di Claudio Gualanduzzi (Sezione AsNAS Emilia-Romagna), e alla condivisione di pratiche professionali applicate per la comunicazione di sani stili di vita ai giovani (Benedetta Chiavegatti, ATS Milano), per la sorveglianza e la ricerca epidemiologica all’interno di un Registro Nazionale dei Tumori Naso-Sinusali (Stefania Massacesi, AST Macerata), per il contact-tracing e la promozione della salute a scuola durante la pandemia da Covid19 (Laura Rubagotti, ATS Val Padana) e nelle direzioni mediche di presidio ospedaliero (Eddy Galiazzo, Sezione AsNAS Friuli Venezia-Giulia). Hanno chiuso i lavori gli interventi dell’Avv. Marco Croce sul tema della responsabilità professionale in ambito sanitario e di Alessandro Macedonio (Sezione AsNAS Lazio), che ha fissato i principali punti toccati nella giornata, utili per il proseguimento dell’attività associativa dopo questo Convegno

«Il mondo dell’associazionismo tecnico-scientifico degli Assistenti sanitari, nella giornata di convegno, ha avuto modo di porre a confronto i paradigmi che caratterizzano l’agire professionale sotto il profilo tecnico, della responsabilità e dell’etica, facendoli convergere su un fondamentale obiettivo comune: quello di rivitalizzare e potenziare l’approfondimento della pratica professionale nella comunità scientifica e quello di avviare un percorso che, anche, esca dal contesto associativo affinché la professione di assistente sanitario raggiunga l’opinione pubblica», commenta la Presidente nazionale di AsNAS, Elena Nichetti.

La giornata è stata l’occasione anche per ricordare ai partecipanti le nuove finalità e le stimolanti, quanto impegnative, attività che coinvolgono l’Associazione tecnico scientifica. Si è puntato soprattutto sull’attività di elaborazione, aggiornamento e diffusione di raccomandazioni, linee guida e buone pratiche per i settori della prevenzione. Questa funzione, infatti, è di prioritario interesse per il ruolo di AsNAS, in quanto collegata al tema della responsabilità sanitaria. Al termine del Convegno, il Consiglio direttivo nazionale, unitamente ai Presidenti delle Sezioni territoriali, ha invitato quindi tutti i colleghi a mettere a disposizione il proprio sapere specialistico per l’elaborazione di Linee guida di interesse per la nostra professione, nonché per sviluppare ambiti di ricerca al fine di individuare strumenti e metodologie per approcciare i mutevoli bisogni e target.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Prevenzione, Cavallo (Assistenti Sanitari): «La lotta al tabagismo parta dalle scuole. Il target è arrivare al 5% di fumatori»
La presidente della commissione di Albo degli Assistenti Sanitari Maria Cavallo spiega il ruolo della professione nelle campagne di prevenzione. E ricorda: «Siamo stati i primi professionisti a contatto con la popolazione quando abbiamo distribuito il vaccino anti polio». Sui no vax: «Devono essere oggetto di confronti diversificati perché ogni tipologia di scetticismo necessita un approccio diverso»
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Campagna vaccinale, Assistenti Sanitari: «Allerta sulla somministrazione in farmacia. Ministero inserisca nostro componente nel NITAG»
Maria Cavallo, Presidente della Commissione d'Albo nazionale degli Assistenti Sanitari, chiede l'inserimento di un rappresentante nel NITAG, Nucleo strategico del Gruppo tecnico consultivo nazionale sulle vaccinazioni
Assistenti sanitari: «Siamo professionisti preparati ad agire nelle comunità scolastiche e infantili»
«Leggiamo con stupore - spiega l'Associazione Nazionale Assistenti Sanitari - della nuova proposta di implementare la figura dell’infermiere scolastico senza prevedere alcuna formazione specifica ulteriore rispetto alla laurea di primo livello»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...