Voci della Sanità 6 Ottobre 2020

“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona

Nel libro – ideato dall’avvocato Laila Perciballi – il supporto all’idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale

Una guida per gli anziani, per tutelarli dalle insidie della vita quotidiana (dalle bufale ai servizi non richiesti, dai falsi operatori ai furti, dalle televendite al phishing, dalle trappole contrattuali a quelle stradali) e per aiutarli a gestire le relazioni affettive e le proprie necessità, incluso il bisogno di non essere lasciati soli. È il filo conduttore dell’istant book appena pubblicato “Anziani, diritti e tutele senza età” (Keyeditore), a cura dell’avvocato Laila Perciballi.

Mai come durante la pandemia la fragilità degli anziani è diventata un tema attuale, persino scabroso, tanto da rendere urgente un profondo ripensamento dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria che metta al centro la persona, ponendo al suo fianco l’amministratore di sostegno quando necessario, ed aiuti i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale.

L’opera ricorda quali siano i loro diritti, troppo spesso offesi, a cominciare dal diritto alla salute, e quali tutele possano essere attivate.

In quanto “Referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori dell’Ordine” e coordinatrice del progetto “Codice etico unico” per la Federazione Nazionale delle 19 Professioni Sanitarie (Fno Tsrm e Pstrp), l’ideatrice Laila Perciballi ha voluto porre l’attenzione sulla necessità di dare effettività ai principi fondanti del Servizio Sanitario nazionale partendo proprio dall’assunzione di responsabilità dello Stato attraverso l’istituzione del Fondo di Solidarietà che, mediante l’attivazione di forme alternative di risoluzione delle controversie, possa dar luogo allo spegnimento della conflittualità e ad una nuova rifioritura della società e della sanità. Ebbene, un segnale di risposta all’appello sembra essere giunto dal ministro della Salute Roberto Speranza che ha istituito, con decreto del 21 Settembre 2020, una Commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana.

E ancora, oltre agli accorgimenti da adottare per evitare truffe e raggiri, si individuano gli strumenti di solidarietà, sussidiarietà e responsabilità per garantire un’esistenza dignitosa agli anziani, anche dal punto di vista patrimoniale, sociale (e dei social), sanitario ed economico.

Articoli correlati
FederAnziani: «8 contagi su 10 in famiglia. Indossare la mascherina per evitare strage dei nonni»
«Non uscire se non è strettamente necessario, fare attenzione ai contatti con i figli e i nipoti». E ai giovani: «Proteggete i vostri nonni, stategli vicini più che potete ma a distanza, fate la spesa per conto loro»
“Anziani, diritti e tutela senza età”, in un libro le sfide degli over 65 ai tempi della pandemia
A cura di Laila Perciballi, avvocato e referente della FNO TSRM e PSTRP, l’instant book «vuole proporre un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro habitat, nel tessuto famigliare e sociale». Tra gli autori Anna Melillo, Maria Pia Gallo e Massimo Tosini
Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come
«Diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che impedisca la riacutizzazione delle patologie»
di Isabella Faggiano
Festa dei Nonni, Senior Italia: «A Roma, nel rispetto delle regole, la celebrazione e il ricordo dei nonni scomparsi»
In Piazza del Campidoglio a Roma una delegazione di senior si è ritrovata, con mascherine e nel rispetto delle regole del distanziamento, per la consueta manifestazione nazionale dedicata alla ricorrenza, con il Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri e la Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi  
Vaccinazioni per adulti e anziani ai tempi del Covid-19: le otto richieste di HappyAgeing
«Chiamata attiva di adulti e anziani per tutte le vaccinazioni indicate dal Piano Nazionale» chiede il presidente dell'Alleanza per l'invecchiamento attivo Michele Conversano dal convegno di questa mattina. Presente anche Rezza: «Virus sotto controllo. Sulla carenza del vaccino antinfluenzale c'è stato un allarme eccessivo sulla stampa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...