OMCeO, Enti e Territori 29 gennaio 2019

Alimenti, vestiti, giocattoli e soprattutto sorrisi. Il cuore di Consulcesi Onlus batte per i bambini di Tirana

Insieme alla Fundjave Ndryshe un contributo alle famiglie in maggiori difficoltà sociali ed economiche. I collaboratori della sede albanese del Gruppo Consulcesi, dai dipendenti ai manager, hanno devoluto il loro regalo di Natale aziendale in beneficienza e c’è stata una vera e propria gara per poter far parte della delegazione che si è occupata della consegna. Il racconto commosso: «Da quei bambini abbiamo ricevuto molto di più di quello che abbiamo donato»

Pacchi con generi alimentari, vestiti e giocattoli. Consulcesi Onlus, realtà nata dall’impegno sociale del gruppo Consulcesi, in collaborazione con Fundjave Ndryshe, ha iniziato il 2019 fornendo un aiuto concreto alle famiglie più bisognose di Tirana.

Lo scorso fine settimana una delegazione dei collaboratori della sede di Tirana – guidata dal Direttore Generale del Gruppo Simona Gori –  si è recata nei quartieri di Vaqarr, Prush e Arbane per portare un piccolo ma significativo contributo alle famiglie in evidente difficoltà economica: uomini, donne e soprattutto bambini costretti a vivere in condizioni di forte disagio sociale, e che per risparmiare vivono in appartamenti senza riscaldamento e corrente elettrica. Lo Stato albanese garantisce una prima forma di assistenza economica ma sono tante le emergenze che queste famiglie, in gran parte con tanti bambini piccoli e con i genitori senza lavoro ed in alcuni casi anche malati, devono fronteggiare quotidianamente.

Il sostegno di Consulcesi onlus non è stato solo materiale. A conferma del forte legame con il territorio, l’iniziativa è stata vissuta con forte trasporto da tutta la sede di Tirana: tutti i collaboratori, dai dipendenti ai manager, hanno devoluto il loro regalo aziendale in beneficienza e si è addirittura resa necessaria una selezione per individuare il gruppo che, insieme ai volontari della Fundjave Ndryshe, avrebbe consegnato alimenti, vestiti e giocattoli. Le candidature erano infatti più del doppio rispetto ai posti a disposizione per far parte della delegazione: in molti avevano espresso la volontà di poter toccare con mano la dura realtà di quelle famiglie, ascoltare le loro storie e cercare di alleviare le loro sofferenze con parole di conforto, abbracci e sorrisi.

«Abbiamo visto soffitti distrutti – il racconto commosso dei “volontari Consulcesi” che hanno vissuto questa toccante esperienza -, camere con un solo letto in cui dovevano dormire tre bambini, riscaldamento che non veniva acceso per risparmiare. C’erano bambini malati che non si possono curare e altri ancora che camminavano scalzi in case senza pavimenti o giocavano nella terra bagnata e fredda. I loro genitori erano disperati ed in molti casi anche frustrati perché impossibilitati a farli crescere e studiare come gli altri coetanei. Ma abbiamo ricevuto tanto dai sorrisi dei bambini quando hanno visto i giocattoli. E anche se sappiamo che la povertà nel nostro Paese è diffusa, troppo spesso ci dimentichiamo che ci sono persone che hanno estremamente bisogno del nostro sostegno. Ancora una volta, abbiamo avuto una conferma diretta che aiutare arricchisce».

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Medici nel mirino delle denunce: accusati di errori chirurgici, diagnosi sbagliate e terapie scorrette
Al fianco dei medici scende in campo la task force legale di Consulcesi & Partners, che dopo l'evento al Ministero della Salute ha ricevuto migliaia di segnalazioni: al primo posto ci sono gli errori chirurgici (37,9% dei casi), seguono le diagnosi sbagliate (15,5%) e le terapie scorrette (10,2%)
Responsabilità professionale e cause temerarie, De Lillo (Agenas): «Formazione continua fondamentale per ridurre rischi»
Ai microfoni di Sanità Informazione il Presidente Facente Funzione dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali spiega quali sono le possibili soluzioni per ridurre un contenzioso che riguarda circa 300mila cause all’anno: «Bene l’arbitrato della salute, ma rivedere anche applicazione del patto quota lite»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Contenziosi sanitari, incontro al Ministero della Salute: «Dialogo e formazione la ricetta delle istituzioni»
Evento Consulcesi al Ministero della Salute con FNOMCeO, Fnopi, Agenas, Cittadinanzattiva e molte altre istituzioni della sanità: «Un Arbitrato della Salute per ridurre il contenzioso tra sanitari e cittadini. Medico in regola con formazione riduce del 40% il rischio di contenziosi». Anelli (presidente FNOMCeO): «Noi medici ci dobbiamo impegnare sulla qualità. La formazione universitaria ed ECM è una garanzia per noi e per i pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...