Voci della Sanità 4 Aprile 2019 17:31

“A scuola con le Istituzioni”, al via lo studio osservazionale di IPACS in supporto del Piano Nazionale Cronicità

Nell’evento del 6 aprile che si svolgerà presso il Castello di Santa Severa, sette donne della sanità pubblica del Lazio sono invitate a raccontarsi su esperienze di criticità, integrazione e multidisciplinarità affrontate nella implementazione del Piano delle Cronicità

“A scuola con le Istituzioni” questo il nome dell’iniziativa messa in campo da Ipacs in supporto del Piano Nazionale Cronicità. Il progetto partirà dalla ASL Roma 4 sino a coinvolgere altre realtà delle sanità del Lazio che aderiranno ad uno studio osservazionale multicentrico per valutarne l’impatto del potenziamento di sei competenze sui professionisti, sulle organizzazioni e sulle comunità, nell’ambito dell’implementazione delle macro fasi 3 e 4 del Piano Nazionale Cronicità. La macro-fase n.3 riguarda la presa in carico e gestione del paziente attraverso il piano di cura. La macro-fase n.4 riguarda l’erogazione di interventi personalizzati per la gestione del paziente attraverso il piano di cura.

Nell’evento del 6 aprile che si svolgerà dalle 8.30 alle 16.30 presso il Castello di Santa Severa, Santa Marinella, sette donne della sanità pubblica del Lazio sono invitate a raccontarsi su esperienze di criticità, integrazione e multidisciplinarità affrontate nella implementazione del Piano delle Cronicità , spiega Francesca Cioffi, Fondatore di IPAC «le donne hanno un ruolo centrale anche in sanità, perché sono quelle che veicolano stili di vita positivi e si prendono cura degli altri. Sono vettori di cambiamento e portatrici di competenze positive in tutti gli ambiti della vita sociale. Il loro tocco, la capacità di gestire relazioni, fa bene anche nei luoghi di lavoro, specialmente se operano in ruoli dirigenziali.»

«Sono anche quelle capaci di mettersi in gioco e hanno voglia di aumentare le proprie competenze» continua Francesca Cioffi, «le donne sono un elemento nevralgico nella promozione della salute e non a caso abbiamo deciso di unire le loro storie ad un progetto istituzionale che prevede l’utilizzo di una metodologia integrata di coaching applicata ai professionisti delle strutture sanitarie del Lazio, per facilitarne il raggiungimento di obiettivi di sistema, attraverso il potenziamento delle competenze». In continuità col progetto sarà aperta al pubblico dal 25 maggio al 5 giugno presso il Museo Crocetti, in Via Cassia, una mostra interattiva e ‘viva’ “RiTratti di donne” dell’artista Mimmo Martorelli e curata da Massimo Sgroi.

L’integrazione mediatica tra le dimensioni socio sanitaria e culturale, in un contesto internazionale, sarà presentata, a chiusura della mostra, con l’ evento ” Sette donne si raccontano” organizzato da IPACS in collaborazione con la Dott.ssa Mariapia Ciaghi de Il Sextante il 6 Giugno, presso il Museo Crocetti di Via Cassia a Roma.
Sette ambasciatrici culturali, donne straniere, portatrici di rivoluzioni umane e personali, immortalate su pannelli, racconteranno le loro storie e testimonianze durante un reading performativo che unirà arte, cultura e società.

Sono le donne, tradizionalmente , a padroneggiare la vita di relazione e il dialogo e che più facilmente tendono a mettersi in gioco in situazioni di cambiamento. E’ oltretutto la donna che, sempre culturalmente, si “prende cura” e questo prendersi cura favorisce un’interazione positiva ed un’attenzione alle persone, che rappresenta un valore centrale in sanità.

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
“La forza e il sorriso”, in Parlamento sostegno bipartisan per la pdl che promuove il benessere delle pazienti oncologiche
Alla Camera presentato l’intergruppo parlamentare “La forza e il sorriso” promosso dalla deputata Benedetta Fiorini. Obiettivo della proposta di legge rendere più accessibile l’acquisto di prodotti cosmetici per l’igiene, la protezione e il benessere personale
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa