OMCeO, Enti e Territori 7 febbraio 2018

Fabiola Giannotti (Direttore CERN) in conferenza ai Lincei: «Scienza universale, unificante e riduce le diseguaglianze»

Venerdì 9 febbraio 2018, alle ore 11, Fabiola Gianotti, Direttore Generale del CERN, terrà la Conferenza: “Il CERN, un laboratorio mondiale per la ricerca e molto di più” a Palazzo Corsini in via della Lungara a Roma. La conferenza intende illustrare gli studi del CERN, uno dei più importanti laboratori al mondo per la ricerca in fisica che […]

Venerdì 9 febbraio 2018, alle ore 11, Fabiola Gianotti, Direttore Generale del CERN, terrà la Conferenza: “Il CERN, un laboratorio mondiale per la ricerca e molto di più” a Palazzo Corsini in via della Lungara a Roma. La conferenza intende illustrare gli studi del CERN, uno dei più importanti laboratori al mondo per la ricerca in fisica che può vantare la collaborazione di 17.000 scienziati provenienti da tutto il mondo.

Le molteplici attività del CERN (Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire), laboratorio internazionale al quale partecipano 22 paesi, saranno illustrate all’Accademia dei Lincei dalla scienziata Lincea Fabiola Gianotti, che è la prima donna a ricoprire il ruolo di Direttore Generale del grande centro scientifico.

I rilevanti successi ottenuti nella storia del CERN, coronata da grandissime scoperte, hanno condotto, tra l’altro, all’assegnazione di cinque Premi Nobel per la Fisica: a Carlo Rubbia e Simon van der Meer (1984), a Georges Charpak (1992), a Peter Higgs e François Englert (2012).

Il CERN è anche un centro in cui scienziati di diversi paesi sviluppano tecnologie di punta in molti settori, a vantaggio della vita di tutti i giorni. La collaborazione internazionale è la base imprescindibile di tutte le principali ricerche e degli sviluppi scientifici e tecnologici realizzati a favore dell’Umanità. La scienza, unifica le attività di ricercatori che conducono le loro attività al di sopra delle incomprensioni e delle rivalità nazionali, etniche, religiose, che ancora dividono molte delle popolazioni mondiali ed è la più alta espressione della democrazia. «La scienza è universale e unificante e riduce le diseguaglianze – ha ricordato Fabiola Gianotti, prima donna a dirigere il CERN –  è universale perché si basa su fatti oggettivi: una mela cade allo stesso modo nel giardino di Isaac Newton nel 17° secolo che in qualunque altro posto sulla Terra ad ogni momento della storia. È unificante perché è mossa dalla passione per la conoscenza. Inoltre la conoscenza non ha passaporto, non ha genere, non ha razza e non ha partito politico» conclude.

 

 

 

 

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...