Mondo 16 dicembre 2014

Medici in fuga: la Germania “fa shopping” di camici bianchi italiani

L’Istat registra un nuovo picco di partenze: il Regno Unito resta la meta preferita, ma i tedeschi insidiano il primato con un portale che offre 8mila posti di lavoro in campo sanitario

Immagine articolo

Mai così tanti italiani “in fuga”  dal proprio Paese. Lo rivela l’ultimo report dell’Istat sulle migrazioni internazionali e interne della popolazione residente.

L’indagine fa segnare una crescita delle partenze – con i medici in prima fila –  che va oltre il 20% con il numero degli emigrati italiani pari a 82 mila unità: il più alto degli ultimi dieci anni. La fotografia, scattata nel 2013, indica anche altri dati significativi, come il numero di immigrati in netto calo:  sono solo 307 mila, 43 mila in meno rispetto all’anno precedente (-12,3%). L’Italia, dunque, non è solo il Paese da cui si scappa ma anche quello che non attrae più. Sicuramente meno del passato. Ed è proprio quest’ultimo aspetto la reale novità che porta a galla l’indagine dell’istituto statistico, che aveva già certificato un boom di partenza nell’ultimo triennio (+40%).

Quello del boom degli italiani che fanno la valigia resta comunque un dato su cui riflettere. In particolar modo temendo in considerazione la fascia anagrafica degli addii: si tratta di persone tra i 20 ed i 45 anni con un sensibile picco negli anni successivi al conseguimento della laurea. Si va chiaramente all’estero a caccia di un lavoro. E sono sempre più medici a farlo. In più, e in particolar modo per questa professione, è in continua crescita anche il numero di chi preferisce studiare o formarsi all’estero. Il Regno Unito continua ad essere la destinazione preferita. Nel 2013, si sono recati nelle città inglesi 10mila giovani. Tra questi uno su tre è laureato e quindi siamo oltre le 3000 unità. Il 36% ha invece il diploma, mentre il 30% ha un titolo inferiore. In questo virtuale podio delle mete ideali sulla piazza d’onore troviamo, un po’ a sorpresa, la Svizzera e al terzo posto, ma in netta ascesa, la Germania.

E proprio il governo tedesco ha lanciato un portale web  per l’inserimento di professionisti stranieri nel mercato del lavoro nazionale. Lo strumento guida passo per passo alla candidatura in tutti i settori con più domanda: dagli ospedali di Colonia alle aziende tech di Monaco di Baviera. E le figure più ricercate sono ingegneri e medici: in Germania c’è necessità di circa 8mila camici bianchi. Ad attirare i professionisti italiani sono salari superiori alla media continentale e tasso di disoccupazione tra i più bassi in Europa.  Secondo i dati della Fondazione Migrantes nel corso del 2014 c’è stato un aumento dell’11,5% (rispetto all’anno precedente) degli italiani che hanno deciso di trasferirsi in Germania. Contestualmente sul sito in questione si sono registrati, nel giro di pochi mesi, ben 27mila accessi di utenti del nostro Paese. Due chiari indizi di come stia cambiando la rotta del lavoro.

Articoli correlati
Francesco Wirz, l’italiano che ha operato l’uomo dai tre volti: «In Francia fiducia ai giovani, così si formano i chirurghi»
«Ho fatto tutto quello che, chirurgicamente, avrei potuto fare nella mia vita, ma non mi sento un vincente, perché ho dovuto lasciare il mio Paese. I giovani devono andare all’estero per scelta, non perché sono obbligati»
Sanità internazionale
Restare o partire? Il dubbio dei giovani medici...
La protesta dei Giovani Medici: flash mob al MIUR
Chiesta trasparenza e meritocrazia nelle selezioni e un piano triennale per gli sbocchi lavorativi
Aperto il triennio CEOM a guida italiana: l’Europa affronta i problemi della sanità
Primo appuntamento a Roma: la demografia medica tra i temi più dibattuti. Le interviste a Monique Gautchey e Patrick Romestaing
Il mercato immobiliare londinese parla italiano: medici in prima linea
Sorpassati anche russi e arabi. Il trend di crescita, secondo gli esperti, si manterrà costante per i prossimi cinque anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...