Mondo 20 Dicembre 2022 14:14

Life Support, la nuova nave di Emergency: 142 persone tratte in salvo in due giorni

A supportare il progetto di Emergency due artisti: il cantautore Daniele Silvestri e lo street artist Tvboy, il primo con il video Le Navi, realizzato a bordo della nave Life Support, il secondo con un murales di 3×2 metri, che rappresenta due braccia che si afferrano tra le onde

Ieri, ancor prima che l’alba sorgesse, intorno alle 4.30, la nave Life Support di Emergency ha cambiato il destino di altre 72 persone che si trovavano in acque internazionali, nella zona maltese-tunisina. Ventiquattro ore prima aveva tratto in salvo altri 70 naufraghi, soccorsi in zona libica.

L’itinerario della Life Support

La nave Life Support di Emergency è salpata il 13 dicembre dal porto di Genova, diretta nelle acque del Mediterraneo Centrale, per intraprendere la sua prima missione. «Per anni lo staff di Emergency ha prestato servizio sulle navi umanitarie di altre ONG, contribuendo a salvare migliaia di esseri umani – racconta Rossella Miccio, presidente di Emergency -. Oggi, dopo mesi di lavoro, siamo in mare con una nostra nave, la Life Support, per ribadire il nostro impegno per il diritto alla vita per tutti». Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) dal 2014 ad oggi sono oltre 20 mila le persone morte o scomparse nella rotta del Mediterraneo centrale, una media di sei persone al giorno. Solo nel 2022 sono oltre 1.300 le persone che hanno perso la vita o che risultano disperse nella rotta migratoria più pericolosa al mondo.

Due operazioni in 2 giorni

Tra i 72 superstiti, tutti uomini, del più recente dei due soccorsi, c’erano anche due minori: «Sono per lo più disidratati, a causa della durata e delle condizioni del viaggio che hanno fatto», racconta Paola Tagliabue, responsabile medico presente a bordo della nave Life Support. Tra i superstiti della precedente operazione di soccorso, invece, ci sono 5 donne, di cui una incinta al settimo mese, 2 bambini con meno 2 anni e 24 minori non accompagnati con più di 13 anni. Provengono da Somalia, Egitto, Costa D’avorio, Camerun, Burkina Faso, Mali. «Abbiamo riscontrato alcuni casi di scabbia e un caso di convulsioni», aggiunge Paola Tagliabue.

Il supporto degli artisti

A supportare il nuovo progetto di Emergency ci sono anche due artisti, il cantautore Daniele Silvestri e lo street artist Tvboy, il primo con il video Le Navi, realizzato a bordo della nave Life Support, il secondo con un murales di 3×2 mt che rappresenta due braccia che si afferrano tra le onde. La nave omaggia anche Gino Strada, chirurgo e fondatore di EMERGENCY, con una sua frase scritta sulle murate: «I diritti sono di tutti, altrimenti chiamateli privilegi».

La nave in numeri

La nave, lunga 51,3 metri e larga 12, può arrivare ad accogliere fino a 175 naufraghi, oltre al personale di bordo, composto da 28 persone, di cui 9 marittimi e 19 dello staff Emergency. In particolare, il team sanitario è formato da due infermieri, un medico e due mediatori culturali, con esperienza nei progetti Emergency in Paesi come Italia, Libia, Yemen, Afghanistan. Una volta soccorsi, i superstiti vengono sottoposti a un triage sanitario, durante il quale ricevono un codice, in base al quale sono accompagnati in ambulatorio, sul main deck, in osservazione, sulle panche limitrofe o nella zona di accoglienza all’aperto.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni