Mondo 15 Dicembre 2022 12:55

Kiwira virus: rilevato in Africa un nuovo hantavirus trasmesso dai pipistrelli

Un recente studio della rivista Viruses analizza il virus Kiwira, che appartiene alla famiglia Hantaviridae, inclusa la sua scoperta, il posizionamento filogenetico e la distribuzione tissutale dell’acido ribonucleico virale (RNA)

di Stefano Piazza

Un recente studio della rivista Viruses analizza il virus Kiwira, che appartiene alla famiglia Hantaviridae, inclusa la sua scoperta, il posizionamento filogenetico e la distribuzione tissutale dell’acido ribonucleico virale (RNA).

Cosa sono gli hantavirus?

Gli hantavirus appartenenti alla famiglia Hantaviridae hanno genomi di RNA trisegmentati. Il segmento genomico piccolo (S) codifica per la proteina nucleocapside (N), mentre il segmento medio (M) codifica per le glicoproteine dell’involucro e il segmento genomico grande (L) codifica per la RNA polimerasi RNA-dipendente. Diversi piccoli mammiferi possono ospitare gli hantavirus, il gruppo più notevole include i roditori, seguiti da toporagni, pipistrelli e talpe. Diversi hantavirus sono in grado di infettare anche l’uomo, tutti originati da roditori e appartenenti al genere Orthohantavirus. Dopo l’infezione negli esseri umani, gli hantavirus causano febbre, seguita da disturbi renali e respiratori che possono infine portare a insufficienza degli organi. Gli hantavirus trasmessi dai pipistrelli, appartenenti ai generi Mobatvirus o Loanvirus , sono stati segnalati in 14 specie di pipistrelli in Asia, Europa e Africa. Tuttavia, questi virus devono ancora essere isolati e coltivati; pertanto, il loro potenziale di infettare gli esseri umani non è ancora completamente stato studiato e compreso.

A proposito dello studio

Nello studio, i pipistrelli sono stati catturati nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) e nel sud-ovest della Tanzania nel 2017 e successivamente anestetizzati e poi soppressi. Sono stati raccolti tutti gli intestini, i reni, i polmoni, la milza e il fegato dei pipistrelli. I campioni di tessuto sono stati raccolti per l’estrazione e l’analisi dell’RNA virale mediante il test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR). Inoltre, sono state eseguite anche analisi filogenetiche.

I risultati dello studio

L’analisi PCR ha rivelato la presenza di sequenze di hantavirus in sei dei 334 pipistrelli della Tanzania e uno dei 49 pipistrelli ottenuti nella RDC. In particolare, i virus isolati dai pipistrelli della Tanzania e della RDC condividevano il 98,6% di identità. Le più alte identità a coppie sono state osservate tra i virus Quezon e Robinia, rispettivamente fino all’82,9% e all’81,4%. Tutti i pipistrelli Hantavirus positivi ottenuti dalla Tanzania erano pipistrelli angolani dalla coda libera, altrimenti noti come Mops condylurus , che appartengono alla famiglia Molossidae. Questa specie non era precedentemente nota per ospitare hantavirus. Dei sei pipistrelli positivi all’Hantavirus della Tanzania, uno era femmina e cinque erano maschi. L’unico pipistrello positivo della RDC era maschio; tuttavia, non è stato possibile determinare la specie di questo pipistrello.

È stata osservata una nuova sequenza virale dai pipistrelli della Tanzania che sono stati successivamente indicati come virus Kiwira all’interno del genere Mobatavirus. Questa scoperta rende il virus Kiwira il quarto hantavirus trasmesso dai pipistrelli identificato in Africa. Non è stato possibile ottenere le sequenze complete di aminoacidi precursori del nucleocapside e della glicoproteina del nuovo virus Kiwira per ulteriori analisi. I parenti più stretti del virus Kiwira includono i virus Robina e Quezon. I pipistrelli infettati dal virus Kiwira hanno mostrato un’infezione sistemica, incluso il coinvolgimento nei reni e nell’intestino. Pertanto, è probabile che l’hantavirus possa essere espulso sia attraverso l’urina che le feci.

I pipistrelli M. condylurus circolano in tutta l’Africa, spesso si trovano in edifici e alberi cavi e in varie parti delle regioni tropicali e della savana che vanno dai paesi dell’Africa occidentale a quella orientale. Oltre all’ampia distribuzione di questi pipistrelli in tutta l’Africa, la vicinanza dei pipistrelli catturati in questo studio agli insediamenti umani fa temere che il virus Kiwira possa potenzialmente diffondersi agli esseri umani. Sebbene gli hantavirus non sembrino causare malattie negli esseri umani, la loro capacità di causare malattie febbrili, un sintomo comune condiviso con altre infezioni, può consentire di trascurare la sua infezione. È quindi essenziale migliorare lo sviluppo di test sierologici accurati che possano essere utilizzati per confermare l’infezione da hantavirus.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...