Mondo 6 Maggio 2022 11:25

Iryna e la sua guerra contro il diabete. Dall’Ucraina a Napoli, la task force internazionale per salvarla

La giovane è stata prelevata in Polonia, dove era rifugiata, per essere ricoverata all’Ospedale del Mare

Iryna e la sua guerra contro il diabete. Dall’Ucraina a Napoli, la task force internazionale per salvarla

La storia di Iryna inizia come quella di tantissime altre donne ucraine in fuga dalla guerra e dai bombardamenti. Iryna ha 17 anni e nelle scorse settimane ha trovato rifugio in Polonia. Iryna però non deve difendersi solo dalle bombe: la prima sfida per la sopravvivenza con cui deve fare i conti ogni giorno si chiama diabete mellito di tipo 1.

La procedura MedEvac per salvare Iryna

La sua patologia nei giorni scorsi si è aggravata, esponendola ad un altissimo rischio di chetoacidosi diabetica, grave complicanza causata da una iperglicemia conseguenziale ad un deficit di insulina. Ed è a questo punto che la storia di Iryna diventa un esempio di solidarietà, di cooperazione internazionale e di tempestività assistenziale. Accade infatti che, all’aggravarsi delle condizioni cliniche della giovane ucraina, la Centrale Operativa Remota per le Operazioni di Soccorso Sanitario (CROSS) attiva la procedura MedEvac, (che prevede il trasporto aereo sanitario per situazioni di particolare emergenza) chiedendo l’intervento della rete dell’emergenza sanitaria Protezione Civile della Regione Campania.

Il trasferimento da Resovia a Napoli

Dall’altro capo del filo c’è il dottor Giuseppe Galano, direttore del Servizio 118 dell’Asl Napoli 1 Centro, che dà il via libera a procedere alle operazioni. Da Pratica di Mare decolla un aereo della Guardia di Finanzia specializzato nel trasporto sanitario, che atterra nella città di Resovia, in Polonia, dove Iryna viene imbarcata insieme alla sorella ventunenne. Il mezzo di soccorso decolla nuovamente alla volta di Pratica di Mare dove, ad aspettare Iryna e sua sorella c’è un’ambulanza medicalizzata del 118 Asl Napoli 1 Centro. Il medico a bordo dell’ambulanza ha visitato la paziente e ritenendola sufficientemente compensata ha disposto il trasferimento al Residence dell’Ospedale del Mare a Napoli. Una volta arrivate, Iryna e sua sorella sono state sottoposte ad un tampone antigenico (che ha dato esito negativo) e ristorate per il lungo viaggio. La mattina dopo Iryna ha iniziato il suo percorso di inquadramento assistenziale presso l’Ospedale del Mare.

Verdoliva (Asl Napoli1 Centro): «Rispondere a queste richieste di aiuto è un dovere»

«Rispondere a queste richieste di aiuto – ha affermato il direttore generale della Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva – è un nostro dovere. Ciò detto, sono orgoglioso di come il nostro personale, a cominciare dal direttore Galano, ha gestito l’operazione e di quanto stiamo fornendo per le nostre competenze sanitarie alla protezione civile regionale. La Campania, seguendo gli indirizzi estremamente chiari del Presidente De Luca che ha delegato alla protezione civile regionale il coordinamento degli interventi e delle attività di soccorso ed assistenza alla popolazione proveniente dall’Ucraina, ha assunto sin da subito un ruolo di primo piano nell’ambito dell’accoglienza che il nostro Paese sta garantendo a chi è in fuga dalla guerra».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
Napoli, il Ministro Grillo visita l’Ospedale del Mare e un uomo tenta di aggredirla
Un uomo ha tentato di aggredire il Ministro della Salute Giulia Grillo all’ingresso dell’Ospedale del Mare a Napoli. È stato bloccato dalla scorta e non è quindi riuscito ad avvicinarsi al Ministro, in visita al reparto chiuso dal primario per consentire al personale di partecipare alla sua festa. L’aggressore voleva denunciare la sospensione delle attività mediche […]
Napoli, festa del primario: chiuso un reparto intero. Giulia Grillo: «Non ci credo ma è vero»
«Quando ho letto che un intero reparto ​era stato chiuso all’ospedale del Mare di Napoli per permettere al personale di partecipare al party organizzato dal nuovo primario per festeggiare l’incarico, per un attimo ho pensato che fosse una fake news. Poi ho scoperto che purtroppo sarebbe andata proprio così. Ho subito inviato i Nas e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...