Mondo 15 gennaio 2018

Fofi, riconfermati Mandelli e D’Ambrosio Lettieri alla guida della Federazione

Un rinnovo nel segno della continuità ai vertici della Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani. Ecco le dichiarazioni dei neoeletti

La Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) sarà guidata, per il prossimo triennio, dalla compagine uscente: Andrea Mandelli sarà Presidente, Luigi D’Ambrosio Lettieri Vicepresidente, Maurizio Pace Segretario e Mario Giaccone Tesoriere. Un rinnovo nel segno della continuità, quindi, «che testimonia l’apprezzamento e la piena adesione alla politica federale attuata sin qui, volta all’evoluzione del ruolo del farmacista all’interno della sanità italiana», si legge in una nota.

La farmacia ha conseguito in questi anni «importanti obiettivi (dall’implementazione del modello della farmacia dei servizi all’istituzione del dossier farmaceutico) – prosegue – ma ha anche imposto all’attenzione della comunità scientifica internazionale l’apporto dei farmacisti italiani all’evoluzione della pharmaceutical care».

«In una fase delicata come quella attuale – dichiara Mandelli – questa compattezza della professione è fondamentale per proseguire nell’opera di innovazione che abbiamo condotto, a tutela dei professionisti ma soprattutto a tutela del cittadino e della qualità delle cure». Per D’Ambrosio Lettieri «la professione farmaceutica ha un ruolo di rilievo, tra l’altro, nella sfida per garantire la sostenibilità del servizio sanitario, che vede nella presenza capillare delle farmacie di comunità e nelle competenze professionali del farmacista un prezioso patrimonio per garantire l’universalità, l’efficacia e l’equilibrio economico dell’assistenza». «Aver creato le condizioni perché il farmacista possa svolgere un ruolo sempre più centrale nel sistema salute richiede un impegno sempre maggiore anche sul fronte della formazione e dell’aggiornamento, e della salvaguardia dei livelli occupazionali», osserva Pace, mentre Giaccone ribadisce «l’efficacia del lavoro svolto dalla Federazione», che «trova conferma in questo risultato elettorale. La professione – aggiunge il tesoriere – si sente realmente rappresentata dal dinamismo e dalla capacità di proposta della dirigenza pronta a continuare, pur con il necessario ricambio generazionale, nel programma seguito finora».

Gli altri componenti del Comitato centrale sono Andrea Carmagnini, Vitaliano Corapi, Luciano Diomedi, Giovanni Gerosa, Maximin Liebl, Paolo Manfredi, Roberto Pennacchio, Gianfranco Picciau e Giovanni Zorgno. Al Collegio dei revisori dei conti sono stati eletti Florindo Cracco, Antonino D’Alessandro, Andrea Giacomelli e Ferdinando Foglia.

 

Articoli correlati
Farmacisti, Mandelli (Fofi): «Non solo ‘dispensatori di farmaci’, ma riferimento per la salute. La farmacia dei servizi nostro grande impegno»
«I farmacisti accanto ai cittadini per migliorare l’aderenza terapeutica, tenerli alla larga dalle fake news e contribuire alla digitalizzazione della sanità con il fascicolo elettronico farmaceutico». È così che Andrea Mandelli, presidente Fofi, descrive l’evoluzione del ruolo del farmacista, una funzione cruciale in una società sempre più vecchia e affetta da patologie croniche
di Isabella Faggiano
Mandelli (Forza Italia): «Sostenibilità SSN a rischio. Conciliare innovazione, aumento aspettativa di vita e qualità assistenza»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti rivendica il ruolo delle farmacie: «Dobbiamo prendere in carico il cronico sollevando gli Ospedali in un Paese che è vecchio e che ha pochi giovani che sostengono la spesa sanitaria»
Elezioni, Mandelli (Forza Italia): «Puntare su prevenzione e prossimità per garantire lunga vita al SSN»
Intervista ad Andrea Mandelli, riconfermato alla guida della FOFI (Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani), Senatore uscente di Forza Italia e ricandidato per Montecitorio nelle prossime elezioni del 4 marzo. Il punto sulle sfide della professione e sulle priorità della politica per la salute e la sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila