Mondo 9 settembre 2014

Cerco lavoro e trovo anche casa: il medico italiano fa bingo a Londra

La debolezza dell’euro spinge a investire sul mattone sfruttando le rendite che garantisce la sterlina e il boom del settore immobiliare

Immagine articolo

Medici in fuga dall’Italia… e dall’euro. La molla che spinge tanti giovani (e non solo) a cercare occasioni e riscatto professionale fuori dallo Stivale è la possibilità di poter lavorare in contesti appaganti e gratificanti.

All’estero il sistema sanitario – seppur duro e selettivo –  garantisce l’opportunità di potersi giocare le proprie chance con la meritocrazia a fare da arbitro.
Ma c’è anche altro dietro il dilagante fenomeno di un esodo con cifre già vertiginose e sempre in costante aumento. In Italia si vive e si lavora sempre in bilico, ma con due assolute certezze: le tasse e la debolezza della moneta unica. Proprio per questo non emigra solo chi vuole conquistarsi un camice bianco ma anche chi lo indossa da anni e, dopo aver raccolto i frutti di lunghi studi e pesanti sacrifici, non ha alcuna voglia di farsi risucchiare nella pericolosa spirale dell’economia italiana.

Chi prende il largo dall’euro fa rotta principalmente su Londra, esportando l’investimento più diffuso nel Belpaese: quello sul mattone. A Londra sempre più italiani cercano e trovano casa: solo nell’ultimo anno, con un investimento totale di 300 milioni ed un prezzo medio di 400mila sterline, hanno acquistato 700 unità abitative. Secondo una indagine della società specializzata Beagle Invest si possono ottenere rendimenti bilanciati in media del 4-5% e circa il 35-40% delle transazioni immobiliari viene effettuato da stranieri, per un totale di 7,5 miliardi di sterline investite in un anno. Gli italiani sono nella “Top 3” degli investitori con 436 milioni su 215 proprietà. La solidità della sterlina e la possibilità di ottenere rendite elevate sia dagli investimenti immobiliari sia attraverso l’esercizio dell’attività medica spinge a “prendere casa”(in tutti i sensi) a Londra.

Articoli correlati
Carenza di medici in Francia: ecco le proposte dei candidati alle Elezioni Presidenziali
In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente […]
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
Medici in fuga: sempre più “italians” alla conquista del Regno Unito
I dati Aire certificano l'impennata di partenze. I nostri camici bianchi ormai integrati e funzionali nel sistema sanitario britannico (NHS)
L’Eldorado londinese per i medici italiani (in fuga)
Come farsi largo in un sistema gratificante ma estremamente selettivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...