Mondo 14 giugno 2018

Emergenza sorrisi, ecco le immagini in anteprima del docufilm “Sulla strada giusta – Rinascere medico in Senegal” – GUARDA IL TRAILER

“Sulla strada giusta – Rinascere medico in Senegal” è il titolo del docufilm con la regia di Augusto Natale dedicato alla missione chirurgica in Senegal di Emergenza Sorrisi, la Onlus che aiuta i bambini affetti da gravi malformazioni del volto, nato con la collaborazione del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e il sostegno di Consulcesi Onlus

“Sulla strada giusta – Rinascere medico in Senegal” è il titolo del docufilm con la regia di Augusto Natale dedicato alla missione chirurgica in Senegal di Emergenza Sorrisi, la Onlus che aiuta i bambini affetti da gravi malformazioni del volto, nato con la collaborazione del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e il sostegno di Consulcesi Onlus, organizzazione frutto dell’impegno sociale del gruppo Consulcesi.

Il documentario, che sarà presentato a novembre, racconta l’esperienza di un giovane medico volontario alla sua prima missione umanitaria, e l’impatto con una realtà dove l’assistenza medica è una vera e propria sfida. Protagonista è il dottor Claudio Maestrini, chirurgo plastico, che ha scelto di mettere a disposizione la sua professionalità per trattare malformazioni del viso, traumi di guerra e ustioni; il tutto, in contesti culturali dove queste deformità comportano anche grossi problemi di isolamento sociale.
Emergenza Sorrisi, da sempre impegnata nell’organizzare di percorsi formativi destinati ai medici e infermieri dei paesi dove prestano soccorso, insieme al provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, abbinerà il docu-film a un corso FAD (Formazione a Distanza) a cura del dottor Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi, e dello stesso dottor Maestrini. Il corso, destinato ai medici, ha anche lo scopo di sensibilizzarli a prestare il loro impegno per progetti umanitari. “SULLA STRADA GIUSTA – Rinascere medico in Senegal” andrà così a impreziosire la collana “Film Formazione” del provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, a testimonianza dell’impegno profuso da Emergenza Sorrisi in questi anni per restituire il sorriso ai bambini dei Paesi più poveri dell’Africa e in quelli del Medio Oriente, in cui la guerra e i conflitti sembrano non cessare mai.
Il viaggio verso il Senegal attraverso gli occhi di un medico alla sua prima missione chirurgica umanitaria, l’impatto con un ambiente sconosciuto lontano migliaia di chilometri dal proprio, non solo per distanza geografica ma ancor di più per linguaggi ed emozioni, persone e leggi, tradizioni e credenze. Inizia così il viaggio di Claudio Maestrini, giovane medico italiano, abituato ad una vita professionale in un contesto sanitario rigoroso ed attrezzato, con orari precisi e personale formato per ogni emergenza.
Claudio prepara il proprio bagaglio, si confronta con i medici veterani, il team di esperti che condividerà con lui ogni momento di quest’avventura, valuta con loro i casi clinici che li attendono. Lo seguiamo da casa sua, la partenza, il volo, l’arrivo, il primo impatto con il villaggio.Gli interventi sono interminabili e complicatissimi, anche quelli più semplici in Italia qui diventano autentiche sfide, vissute fianco a fianco con tutti i medici dell’equipe; bisogna adattarsi a tutto, agli strumenti a disposizione, al personale ridotto, a diagnosi impossibili. Però si va avanti: non stai solo curando dei bambini, gli stai restituendo il sorriso, li stai rimettendo al mondo.
La missione è compiuta, non solo quella immediata della guarigione, ma quella più completa e profonda che ha coinvolto Claudio in maniera inesorabile: il cambiamento.
Claudio è sull’aereo, osserva i volti dei colleghi intorno a sé e vede dal finestrino quelle terre martoriate: chissà se le sta guardando per l’ultima volta o se magari ha trovato lì una nuova vita a cui tornare presto.

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»
Trasformata per tre giorni in capitale della chirurgia plastica, da Roma il messaggio degli specialisti: «Lavoriamo sempre più a braccetto con altre discipline, migliorando la qualità delle cure e l’aspettativa di vita dei pazienti»
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...