Mondo 17 novembre 2017

Ema, Lorenzin: «Siamo pienamente in partita». Gentiloni: «Una sfida competitiva ma abbiamo ottime carte»

Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il Financial Times siamo in pole position». Boldrini: «Sarebbe un’ottima opportunità». Lunedì la scelta definitiva della nuova sede dell’Agenzia Europea del Farmaco

Immagine articolo

«Non voglio pronunciarmi perché sono scaramantica, ma per l’Ema siamo pienamente in partita» lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine dell’evento ‘Salute, sport e movimento fisico’ presso la sede ministeriale a Lungotevere.

«In queste ore ho incontrato colleghi ministri di altri paesi e ci hanno garantito ulteriori voti» il Ministro è ottimista sul trasloco dell’Agenzia Europea del Farmaco che lunedì prossimo conoscerà la sede prescelta dal Consiglio Affari Generali formato dai 27 stati membri UE riuniti presso la Commissione europea nella città fiamminga.

Stesso ottimismo anche il Premier Paolo Gentiloni che, in questi giorni a Goteborg (Svezia), a margine del Summit sociale dei insieme ai capi di Stato e di governo Ue, dichiara: «La partita è molto competitiva ma l’Italia ha delle buone carte da giocare».

«Abbiamo incassato l’ok da parte del Portogallo, della Slovenia ed ora, sembra, anche dalla Germania, ed i bookmakers inglesi ci danno a 1.2» spiega il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, in occasione della presentazione del ‘Rapporto sulle biotecnologie del settore farmaceutico in Italia 2017’. «Anche l’autorevole Financial Times ha messo Milano al primo posto per l’assegnazione della sede Ema». Dunque, ha concluso Scaccabarozzi, «resto fiducioso e spero di essere lunedì prossimo sotto il Pirellone a festeggiare».

«Siamo tutti in attesa mi auguro che ci sia una risposta positiva» ha detto il Presidente della Camera, Laura Boldrini, secondo la quale «Milano è una città europea che svolgerebbe molto bene il proprio ruolo sarebbe una buona opportunità per questa città che è già una città molto aperte e che ha delle expertise molto riconosciute».

Ma come avverrà la scelta? Per aggiudicarsi la partita, l’Italia che ha candidato Milano come città prescelta per ospitare l’Agenzia, deve ottenere almeno 14 voti su 27 voci. Se nessuna delle città candidata dovesse arrivare a 14 preferenze, le prime tre più votate andranno al ‘ballottaggio’ e ogni Stato potrà obbligatoriamente avanzare una sola preferenza.

Articoli correlati
Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»
«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell'EMA
di Lucia Oggianu
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Lorenzin, l’ultima intervista da Ministro (forse): «Situazione politica drammatica. Il mio futuro? Due cose sono certe…»
In occasione di “Farma & Friends”, la serata di beneficienza organizzata da Federfarma Roma, quella che con ogni probabilità è l’ultima uscita della Lorenzin in qualità di titolare del Dicastero alla Salute
Lombardia, parla l’assessore al Welfare Giulio Gallera: «Serve più autonomia per le regioni virtuose. Piano cronicità è modello che salverà Ssn»
«La centralizzazione del sistema sanitario è stata bocciata dagli italiani con l’ultimo referendum. Basta pagare per le inefficienze di altri», spiega il forzista riconfermato nella Giunta Fontana. Poi aggiunge: «Servirebbero presìdi della polizia nei pronto soccorso contro le aggressioni al personale sanitario»
Ricerca, l’oncologa Antonella Brunello guida la task force europea “Cancer in elderly”
Un incarico di prestigio è stato affidato ad un’oncologa italiana: Antonella Brunello (specialista in sarcomi, tumori dell’osso e pazienti anziani oncologici presso l’Oncologia Medica 1 dell’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS) è stata infatti eletta a livello europeo per guidare a Bruxelles la Task Force sui pazienti anziani “Cancer in Elderly” in seno all’Organizzazione europea per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila