Mondo 17 Novembre 2017

Ema, Lorenzin: «Siamo pienamente in partita». Gentiloni: «Una sfida competitiva ma abbiamo ottime carte»

Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il Financial Times siamo in pole position». Boldrini: «Sarebbe un’ottima opportunità». Lunedì la scelta definitiva della nuova sede dell’Agenzia Europea del Farmaco

Immagine articolo

«Non voglio pronunciarmi perché sono scaramantica, ma per l’Ema siamo pienamente in partita» lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine dell’evento ‘Salute, sport e movimento fisico’ presso la sede ministeriale a Lungotevere.

«In queste ore ho incontrato colleghi ministri di altri paesi e ci hanno garantito ulteriori voti» il Ministro è ottimista sul trasloco dell’Agenzia Europea del Farmaco che lunedì prossimo conoscerà la sede prescelta dal Consiglio Affari Generali formato dai 27 stati membri UE riuniti presso la Commissione europea nella città fiamminga.

Stesso ottimismo anche il Premier Paolo Gentiloni che, in questi giorni a Goteborg (Svezia), a margine del Summit sociale dei insieme ai capi di Stato e di governo Ue, dichiara: «La partita è molto competitiva ma l’Italia ha delle buone carte da giocare».

«Abbiamo incassato l’ok da parte del Portogallo, della Slovenia ed ora, sembra, anche dalla Germania, ed i bookmakers inglesi ci danno a 1.2» spiega il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, in occasione della presentazione del ‘Rapporto sulle biotecnologie del settore farmaceutico in Italia 2017’. «Anche l’autorevole Financial Times ha messo Milano al primo posto per l’assegnazione della sede Ema». Dunque, ha concluso Scaccabarozzi, «resto fiducioso e spero di essere lunedì prossimo sotto il Pirellone a festeggiare».

«Siamo tutti in attesa mi auguro che ci sia una risposta positiva» ha detto il Presidente della Camera, Laura Boldrini, secondo la quale «Milano è una città europea che svolgerebbe molto bene il proprio ruolo sarebbe una buona opportunità per questa città che è già una città molto aperte e che ha delle expertise molto riconosciute».

Ma come avverrà la scelta? Per aggiudicarsi la partita, l’Italia che ha candidato Milano come città prescelta per ospitare l’Agenzia, deve ottenere almeno 14 voti su 27 voci. Se nessuna delle città candidata dovesse arrivare a 14 preferenze, le prime tre più votate andranno al ‘ballottaggio’ e ogni Stato potrà obbligatoriamente avanzare una sola preferenza.

Articoli correlati
Europee, Battiston (Pd): «Ogni anno via dall’Italia 300mila giovani. Fermare ‘fuga dei cervelli’»
Come? «Imitiamo gli altri paesi europei», ne è convinto l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana in corsa alle Europee per il Partito democratico nella circoscrizione Nord est. «Nel prossimo programma quadro, il nono, 110 miliardi di euro, il 10% del totale del programma è destinato a ricerca e innovazione L’Italia può portare nel proprio sistema più soldi di quanto investe in alcuni settori»
Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»
Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam
Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»
Screening neonatale, Italia capofila in Europa. Taverna (M5S): «Esempio di buona sanità». La Marca (Simmesn): «Abbiamo pannello di patologie più completo»
A Bruxelles un convegno per parlare della legge 167 che ha allargato le patologie oggetto dello screening: da 3 a 40. Il presidente della Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale: «Siamo all’avanguardia. In Spagna il test è obbligatorio solo per 7 malattie, in Germania delle linee guida rendono obbligatorio lo screening su 16 patologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...