Mondo 30 Maggio 2022 14:48

AIE: perché l’Italia deve aderire al trattato internazionale di proibizione delle armi nucleari

In vista della riunione che si terrà a Vienna dal 21 al 23 giugno l’Associazione Italiana Epidemiologia ha scritto al Ministero degli Esteri affinché il nostro paese sia almeno spettatore dell’incontro come Germania e Norvegia. Il capogruppo: «L’obiettivo è il disarmo nucleare dell’Italia. I danni immediati in termini di morti e feriti che risulterebbero dall’esplosione di una bomba atomica, supererebbero di gran lunga la capacità di assistenza sanitaria del Paese»

AIE: perché l’Italia deve aderire al trattato internazionale di proibizione delle armi nucleari

“NO alla detenzione di armi nucleari”, questo l’appello lanciato dall’Associazione Italiana Epidemiologia (AIE) al Governo italiano. L’occasione è la riunione che si terrà a Vienna dal 21 al 23 giugno per il trattato internazionale di proibizione delle armi nucleari approvato nel 2021 dalle Nazioni Unite e che sancisce lo stop non solo all’uso, ma anche alla detenzione di armi nucleari. L’Italia non aderisce e questo è il motivo per cui l’AIE nei giorni scorsi ha fatto recapitare una missiva al Governo affinché si allinei con gli Stati aderenti.

«Il nostro intento è convincere i governanti a partecipare, in una prima fase da spettatori per poi dare l’adesione», spiega Pirous Fateh-Moghadam dirigente medico dell’osservatorio epidemiologico del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento e capogruppo di lavoro nella commissione AIE per la Pace.

«L’obiettivo è il disarmo nucleare del paese il che starebbe a significare la messa al bando di tutte le testate nucleari. Secondo le stime fatte da ICAN (International Compaign for the abolish nuclear weapons), l’associazione che organizza la riunione di Vienna, sono una quarantina sul territorio nazionale, in particolare ad Aviano e Chieti – spiega il capogruppo AIE per la Pace – un passaggio assolutamente necessario per preservare il mondo intero. La prevenzione per evitare una guerra nucleare è necessaria perché riguarda tutti ed ora esiste una situazione di pericolo reale, per questo l’Italia non può restare fuori. Dobbiamo partecipare alla riunione di Vienna almeno da spettatori, come faranno Germania e Norvegia».

Effetti devastanti

Il messaggio dell’associazione scientifica che riunisce epidemiologi italiani è chiaro, come si legge nella lettera destinata al Ministro degli Esteri: «Le armi nucleari provocano danni immediati in termini di morti e feriti, che superano di gran lunga la capacità di assistenza sanitaria anche in contesti ben organizzati. Le nostre infrastrutture sanitarie non sono e non possono essere preparate per la catastrofe umanitaria che risulterebbe dall’esplosione anche di una sola bomba atomica in una delle nostre città».

Le parole degli epidemiologi fanno leva proprio sulle conseguenze che uno scoppio avrebbe sulla popolazione. «Ospitare le armi nucleari significa essere disponibili ad utilizzarle – ribadisce Pirous Fateh-Moghadam -. Anche se solo per difesa significa essere disposti comunque a sterminare la popolazione civile di un altro Paese perché gli effetti sulla popolazione e sulle infrastrutture sarebbero tali da generare una catastrofe umanitaria».

Per far comprendere gli effetti che avrebbe lo scoppio di una testata nucleare sulla salute della popolazione l’AIE sta lavorando anche alla redazione di schede informative che stimano le conseguenze dell’impatto prendendo da esempio alcune città italiane. «Per fare questo vorremmo replicare la metodologia di ICAN che, grazie ad un algoritmo, ha prodotto una stima dei danni che ci sarebbero in una località. Prendendo ad esempio la città di Trento con una potenza dell’arma nucleare che è di gran lunga superiore a quelle utilizzate a Hiroshima e Nagasaki, uno scoppio in centro città causerebbe 50 mila morti e altrettanti feriti; non solo le infrastrutture sanitarie verrebbero polverizzate e rimarrebbero all’incirca 2000 posti letto in tutta la provincia non sufficienti per far fronte all’emergenza e i feriti morirebbero abbandonati con nessuna possibilità di ricorrere all’assistenza sanitaria necessaria».

Morti per cancro

Lo scenario che si verrebbe a generare, secondo la simulazione fatta dal sito ICAN sarebbe apocalittico: «Nella zona dell’impatto tutto verrebbe vaporizzato, mentre l’alone di radiazioni che si svilupperebbe nelle aree limitrofe provocherebbe la morte di migliaia di persone nell’immediato e negli anni successivi per cancro. L’onda d’urto distruggerebbe gli edifici, provocherebbe incendi e ustioni di terzo grado nelle persone – mostra nel dettaglio il capogruppo della commissione AIE per la Pace –. Più lontano l’onda d’urto farebbe scoppiare le finestre provocando altri feriti. L’effetto delle radiazione sarebbe ancora più forte se la bomba nucleare dovesse scoppiare a terra».

L’equilibrio del terrore basterà ad evitare la catastrofe?

Sono nove le nazioni che posseggono testate nucleari: Russia, USA, Regno Unito, Francia, Cina, India, Pakistan Israele e Corea del Nord. Cinque invece quelle che le ospitano sul proprio territorio: Germania Belgio, Olanda, Turchia e Italia e poi ci sono altri 26 Stati che, pur non avendo armi nucleari, si sono dichiarati a favore del possesso e dell’uso. «C’è chi sostiene che il terrore tenga in equilibrio la situazione, ma non possiamo fare leva sulla paura per evitare una distruzione di massa. Potrebbe sfuggire di mano la situazione ed allora sarebbe impossibile evitare l’irreparabile. Dobbiamo allora fare massa critica – conclude il rappresentante di AIE -. Oltre alla lettera del consiglio direttivo dell’Associazione Italiana Epidemiologia e del gruppo di lavoro per la Pace che abbiamo mandato al Ministero degli Esteri, stiamo raccogliendo sul nostro sito le firme di medici, scienziati e cittadini impegnati nella promozione della salute. È importante che tutti coloro che hanno a cuore il nostro Paese e il mondo intero diano voce a questa iniziativa».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli epidemiologi: «I tre punti da cui ripartire»
Il contributo di Salvatore Scondotto, Presidente Associazione Italiana di Epidemiologia
di Salvatore Scondotto, Presidente AIE
Covid-19: ecco le proposte dell’AIE per la gestione della fase 2 dell’emergenza
«Per supportare le decisioni di allentamento controllato e diversificato sul territorio delle misure di lockdown, occorre confrontare indicatori appropriati sulla forza e sulla gravità dell’epidemia con la capacità del sistema di effettuare diagnosi, identificazione e isolamento dei contatti ed erogare assistenza ai malati. Inoltre, serve l’adesione ad uno stesso metodo di descrizione dell’epidemia al fine […]
Covid-19, AIE: «Uscire dal lock–down subordinando la riapertura alla capacità di controllo della trasmissione virale da parte dei territori»
«Le aree geografiche che dimostreranno, mediante indicatori adeguati, di essere in grado di tenere sotto controllo in modo efficace la trasmissione del virus, potranno uscire dalle attuali misure collettive di restrizione e mantenere solo l’isolamento selettivo dei casi, oltre alle altre misure di contrasto, come ad esempio l’uso di dispositivi di protezione individuale, ma per […]
Covid-19, Aie: «La pandemia si affronta sul territorio. Urge potenziare azione dei servizi di epidemiologia e prevenzione»
Il monito dell’AIE: «Si passi subito all’isolamento selettivo dei casi individuati per spezzare le catene di trasmissione virale e impedire l’insorgenza di nuovi focolai, soprattutto nelle Regioni dove in atto l’incidenza dei contagi è più bassa»
Covid 19, Aie: «Necessario che SSN coordini indagine siero-epidemiologica nazionale»
«E’ necessario uno sforzo coordinato del SSN (Sistema Sanitario Nazionale) per la realizzazione di un’indagine siero-epidemiologica nazionale trasversale di popolazione su Covid-19, ripetuta a distanza di tempo, per aree geografiche, per fasce di rischio e per classi di età specifiche in linea con gli indirizzi già indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità». Così l’Aie (Associazione Italiana […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...