Mondo assicurativo 16 Maggio 2016 17:13

La copertura assicurativa personale in uno studio strutturato

___

di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra e conduco un mio studio professionale ove impiego 5 collaboratori, tutti dipendenti a tempo indeterminato. Ho in corso da molti anni una mia polizza di RC professionale. Qualche giorno fa un mio collaboratore si è ferito malamente mentre sistemava una protesi. Si è procurato una brutta ferita che lo ha costretto a casa per un paio di settimane. Ho fatto subito la denuncia alla mia compagnia di assicurazione. La risposta è stata negativa in quanto, mi è stato detto, “l’evento non risulta tra quelli garantiti nella mia polizza”. Vorrei conoscere la sua opinione. Devo insistere ovvero l’assicuratore ha ragione?

Ritengo che la risposta del suo assicuratore sia corretta. Lei, evidentemente, ha in corso una polizza che si limita a coprire la sua personale responsabilità professionale. Questa polizza andava bene quando lei non aveva dipendenti. La sua polizza probabilmente non la copre per i danni che i suoi dipendenti possono subire durante la loro attività lavorativa (e probabilmente neanche a quelli che questi possono provocare a terzi).

Le suggerisco di adeguare la sua polizza alla sua mutata situazione lavorativa/organizzativa integrandola in modo tale che questa la garantisca da tutti i rischi potenziali del suo studio. Le cito i più evidenti: i rischi dalla conduzione dei locali ove esercita l’attività; i rischi da danni cagionati dai suoi dipendenti a terzi durante l’attività terapeutica; i rischi ai propri dipendenti per danni che essi possono subire durante il servizio; i suoi rischi personali rinvenienti dalla sua posizione di coordinatore/direttore sanitario del suo studio. In sostanza la polizza non sarà limitata, come attualmente, alla sua personale attività professionale ma si estenderà a tutta la attività del suo studio.

Articoli correlati
Claims made, perché la retroattività di 10 anni potrebbe non essere sufficiente?
«In sede di sottoscrizione della polizza, potrebbe risultare più prudente richiedere un termine di retroattività superiore ai dieci anni o, addirittura, illimitato»
di Cristina Lombardo, Avvocato operante nell’ambito della RC medica, e Attilio Steffano, Presidente Assimedici e CEO HSM
Polizze assicurative, occhio alle clausole ambigue
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Cosa rischia il medico no vax?
Sono 644 i medici che sono stati sospesi perché non vaccinati. Ma cosa prevede la procedura? E cosa succede alla polizza RC professionale?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...