Mondo assicurativo 18 Maggio 2016

I danni coperti da una polizza di responsabilità professionale

___

di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra libero professionista. Dopo un lungo periodo di attività professionale qualche giorno fa ho avuto il mio primo problema con un cliente. Questo infatti mi imputa di non aver eseguito un impianto secondo gli accordi e le indicazioni che avevamo preliminarmente concordato. Il cliente quindi, ritenendo che io sia inadempiente, non intende versarmi il saldo della parcella concordata pari ad oltre € 7.000,00. Gradirei avere da lei un suggerimento circa la mia eventuale richiesta di risarcimento al mio assicuratore.

Il fatto che lei abbia sentito l’esigenza di chiedermi un parere mi fa pensare che anche Lei nutra dubbi circa la risarcibilità dell’evento da Lei illustratomi. I suoi dubbi in verità sono fondati! Cerco di spiegarne, nella maniera più semplice, i motivi. La polizza di responsabilità professionale che Lei ha in corso la garantisce dai casi in cui il paziente subisca danni (fisici e/o materiali) in conseguenza del trattamento sanitario. Nel suo caso invece il paziente non ha subito alcun danno di questo tipo; più semplicemente egli ritiene di non aver conseguito l’obbiettivo che si era prefissato tramite la prestazione sanitaria. Si tratta quindi di un classico caso di inadempimento contrattuale al quale il paziente reagisce rifiutandosi di versare la corrispettiva somma pattuita. L’incomprensione nasce per il fatto che l’attività di alcune categorie di medici – per esempio il chirurgo plastico –  prevedono implicitamente l’impegno contrattuale al conseguimento del successo della prestazione sanitaria; di norma invece il professionista sanitario assume esclusivamente l’impegno di mettere a disposizione nel corso della prestazione tutti gli strumenti a sua disposizione – adeguata esperienza professionale e massima diligenza – e non a garantire il successo della stessa.
Concludo precisando che il fatto che alcuni Assicuratori siano disponibili a garantire anche i casi come il suo è prova di una loro presa di coscienza della esistenza di esigenze particolari di alcune specializzazioni mediche e della conseguente volontà di soddisfarle. Chieda al suo Assicuratore e presumibilmente Lui saprà ben indirizzarla.

Articoli correlati
Trivelle, ecco tutti i rischi. Vinci (FNOMCeO) «Non solo danni ambientali, ma anche minacce per la salute: patologie neonatali, cardiocircolatorie e neurodegenerative»
«Carbone, petrolio e gas provocano milioni di morti ogni anno e hanno effetti devastanti su clima e atmosfera». L’intervista a tutto tondo al coordinatore FNOMCeO "Professione, Salute, Ambiente e Sviluppo Economico”: «In base agli impegni assunti alla Conferenza di Parigi del 2015, ogni Paese deve impegnarsi alla riduzione dell'uso dei combustibili fossili»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
A rischio chiusura l’unica farmacia di Ostia Antica
Da quando un cantiere ha aperto lo scorso gennaio diversi edifici circostanti hanno subito danni. Chiusi un asilo e diverse strutture. La denuncia del farmacista Luigi Benni: “Intervenga chi di dovere. Se chiudiamo noi oltre 5mila persone resteranno senza assistenza
Droghe, Cgil e Fp Cgil aderiscono a giornata contro overdose
“Mai più overdose, mai più stigma”. Con questo appello la Cgil e la Fp Cgil aderiscono alla giornata mondiale contro l’overdose, una iniziativa lanciata nel 2001 e che ha visto negli anni crescere l’adesione di molte associazioni e organizzazioni nel mondo, comprese amministrazioni e governi di vari paesi. La Cgil e la Funzione Pubblica Cgil […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone