Mondo assicurativo 18 Maggio 2016

I danni coperti da una polizza di responsabilità professionale

___

di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra libero professionista. Dopo un lungo periodo di attività professionale qualche giorno fa ho avuto il mio primo problema con un cliente. Questo infatti mi imputa di non aver eseguito un impianto secondo gli accordi e le indicazioni che avevamo preliminarmente concordato. Il cliente quindi, ritenendo che io sia inadempiente, non intende versarmi il saldo della parcella concordata pari ad oltre € 7.000,00. Gradirei avere da lei un suggerimento circa la mia eventuale richiesta di risarcimento al mio assicuratore.

Il fatto che lei abbia sentito l’esigenza di chiedermi un parere mi fa pensare che anche Lei nutra dubbi circa la risarcibilità dell’evento da Lei illustratomi. I suoi dubbi in verità sono fondati! Cerco di spiegarne, nella maniera più semplice, i motivi. La polizza di responsabilità professionale che Lei ha in corso la garantisce dai casi in cui il paziente subisca danni (fisici e/o materiali) in conseguenza del trattamento sanitario. Nel suo caso invece il paziente non ha subito alcun danno di questo tipo; più semplicemente egli ritiene di non aver conseguito l’obbiettivo che si era prefissato tramite la prestazione sanitaria. Si tratta quindi di un classico caso di inadempimento contrattuale al quale il paziente reagisce rifiutandosi di versare la corrispettiva somma pattuita. L’incomprensione nasce per il fatto che l’attività di alcune categorie di medici – per esempio il chirurgo plastico –  prevedono implicitamente l’impegno contrattuale al conseguimento del successo della prestazione sanitaria; di norma invece il professionista sanitario assume esclusivamente l’impegno di mettere a disposizione nel corso della prestazione tutti gli strumenti a sua disposizione – adeguata esperienza professionale e massima diligenza – e non a garantire il successo della stessa.
Concludo precisando che il fatto che alcuni Assicuratori siano disponibili a garantire anche i casi come il suo è prova di una loro presa di coscienza della esistenza di esigenze particolari di alcune specializzazioni mediche e della conseguente volontà di soddisfarle. Chieda al suo Assicuratore e presumibilmente Lui saprà ben indirizzarla.

Articoli correlati
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Trivelle, ecco tutti i rischi. Vinci (FNOMCeO) «Non solo danni ambientali, ma anche minacce per la salute: patologie neonatali, cardiocircolatorie e neurodegenerative»
«Carbone, petrolio e gas provocano milioni di morti ogni anno e hanno effetti devastanti su clima e atmosfera». L’intervista a tutto tondo al coordinatore FNOMCeO "Professione, Salute, Ambiente e Sviluppo Economico”: «In base agli impegni assunti alla Conferenza di Parigi del 2015, ogni Paese deve impegnarsi alla riduzione dell'uso dei combustibili fossili»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli