Mondo assicurativo 12 Luglio 2016

Copertura assicurativa, ampiezza e tipicità delle responsabilità di un direttore sanitario

Sono un medico internista, da qualche mese nominato direttore sanitario presso una grande clinica privata ove da tempo opero come dirigente medico. Ho immediatamente richiesto ed ottenuto dal mio assicuratore l’adeguamento della mia copertura assicurativa in relazione all’ampliamento delle mie funzioni presso la struttura, versando un supplemento di premio abbastanza elevato. Tuttavia mi sono reso […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico internista, da qualche mese nominato direttore sanitario presso una grande clinica privata ove da tempo opero come dirigente medico. Ho immediatamente richiesto ed ottenuto dal mio assicuratore l’adeguamento della mia copertura assicurativa in relazione all’ampliamento delle mie funzioni presso la struttura, versando un supplemento di premio abbastanza elevato. Tuttavia mi sono reso conto solo successivamente che questo ampliamento non si estende a tutte le nuove funzioni a me assegnate con il nuovo ruolo, quali ad esempio: la gestione del personale, la supervisione nella scelta e negli acquisti di materiale ed attrezzature di carattere sanitario ed anche la partecipazione ad alcuni comitati interni nell’area contabile/amministrativa/bilancistica. Il mio Assicuratore, da me nuovamente interpellato, mi ha escluso questa volta la possibilità di estendere la copertura a queste attività fornendomi una assai vaga motivazione. Vorrei conoscere la sua opinione. È effettivamente impossibile assicurare queste ulteriori funzioni? E quale ne sarebbe il motivo?

Le rispondo prima spiegandole il motivo per il quale il suo Assicuratore le ha negato la estensione della copertura alle ulteriori sue funzioni correlate alla Direzione Sanitaria. In effetti, la sua polizza di assicurazione copre essenzialmente la sua responsabilità di carattere sanitario, quindi la tiene indenne dai danni economici conseguenti a lesioni o decesso procurati a persone, escludendo quelli che non possono essere fatti risalire a quelle cause. La estensione concessa dal suo Assicuratore non ha modificato questo principio limitandosi a prevedere la copertura nel caso in cui tali danni fisici siano conseguenza anche della sua attività di Direttore Sanitario. Altra faccenda invece è quella che riguarda le altre sue funzioni, le quali non soltanto non hanno un preciso profilo sanitario (quello relativo alla cura dei pazienti) ma soprattutto per la loro natura non possono cagionare danni fisici e materiali. Queste funzioni in realtà, attendendo alla sfera organizzativa/amministrativa piuttosto che a quella sanitaria, possono essere assicurate a parte con specifiche coperture (come quelle rivolte al direttore generale o al direttore amministrativo). Non nascondo che, mentre risulta semplice reperire la copertura assicurativa per colpa grave per un direttore sanitario di una struttura pubblica, più difficoltoso è il compito quando si tratti di coprire individualmente, come nel suo caso, il rischio di Direzione Sanitaria presso una struttura privata.

Articoli correlati
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»
Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...