Mondo assicurativo 31 Maggio 2016 11:19

Nel caso di “colpa grave”, il medico del Ssn risponde soltanto all’erario

Sono un anestesista dirigente medico presso un’azienda ospedaliera pubblica. Ho ricevuto, insieme alla mia azienda e a tutta l’equipe, una richiesta di risarcimento da un paziente per presunto danno da esso subito a seguito di un intervento chirurgico al quale io ho partecipato nella mia funzione di anestesista. Il mio assicuratore, al quale mi sono […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un anestesista dirigente medico presso un’azienda ospedaliera pubblica. Ho ricevuto, insieme alla mia azienda e a tutta l’equipe, una richiesta di risarcimento da un paziente per presunto danno da esso subito a seguito di un intervento chirurgico al quale io ho partecipato nella mia funzione di anestesista. Il mio assicuratore, al quale mi sono rivolto telefonicamente, mi ha consigliato di non effettuare alcuna denuncia di sinistro in quanto «il fatto non realizza ai sensi di polizza un sinistro denunciabile». Questa risposta mi ha lasciato abbastanza perplesso. Non vorrei perdere il diritto alla copertura assicurativa, magari per scadenza dei termini previsti nel contratto. Lei cosa ne pensa e cosa mi consiglia?

Ho trattato questo tema più di una volta e con piacere ripropongo la risposta nella convinzione che si tratti di un argomento importante per i dirigenti sanitari del Ssn. Questa volta lo rappresento in forma veramente sintetica auspicando che il suo consulente assicurativo le spieghi analiticamente il motivo della sua risposta sibillina. L’operatore sanitario del Ssn risponde soltanto di fronte all’erario quando sia acclarato che il suo comportamento concretizza la “colpa grave”. Insomma, ai fini della sua responsabilità e della conseguente efficacia della copertura assicurativa, l’evento dannoso non è quello cagionato al paziente bensì quello che l’Erario subisce in relazione alle somme che quest’ultimo ha dovuto versare al paziente. Quindi il sinistro non si realizza nel momento in cui avviene l’errore clinico, ma in quello in cui l’Erario procede all’esborso e conseguentemente mette in moto l’azione di rivalsa nei confronti degli operatori sanitari, direttamente ovvero tramite la Corte dei Conti. Nel suo caso effettivamente la citazione ricevuta non realizza un sinistro. Sarà sufficiente che lei trasmetta al suo Ente di appartenenza la citazione invitandolo, ai sensi del CCNL ad assumere la sua difesa.

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni