Mondo assicurativo 12 gennaio 2015

Il mondo delle assicurazioni 

Come garantirsi per la responsabilità manageriale e organizzativa

di Assicurazione

Un dirigente sanitario pubblico, responsabile della struttura dell’azienda ospedaliera in cui opera, ha da tempo sottoscritto una polizza per la colpa grave, ritenendo che questa garantisse per tutti gli eventi dannosi per i quali la sua responsabilità fosse accertata. In seguito, leggendo  con attenzione la polizza, il dirigente scopre che vengono invece esclusi tutti i danni derivanti da responsabilità correlate alle funzioni amministrative, gestionali ed organizzative. Deducendo che, in qualità di responsabile di struttura, risulta potenzialmente esposto a tali rischi, chiede informazioni sulla ragione per cui queste funzioni sono escluse dalla polizza, e come si possa colmare questa grave carenza.

Non esiste, in realtà, una ragione sostanziale che motivi questa esclusione. Essa dipende dalla scelta degli assicuratori, i quali ritengono che la responsabilità manageriale/organizzativa sia di natura diversa da quella tipicamente sanitaria e, conseguentemente, non la includono automaticamente nella copertura. Fino ad ora abbiamo tentato, senza successo, a convincere gli assicuratori all’eliminazione dell’esclusione con il versamento di un premio aggiuntivo. Contiamo di avere presto un testo di polizza che consenta opzionalmente di garantirsi, nell’ambito della stessa polizza, anche per la responsabilità manageriale/organizzativa. Fino a quel momento il dirigente può stipulare una specifica polizza a latere a garanzia delle sue funzioni extra sanitarie.

I consulenti SanitAssicura 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano