Mondo assicurativo 2 dicembre 2014

Il mondo delle assicurazioni

“La garanzia postuma: un’opportunità da valutare”

di Assicurazione

“Un giovane chirurgo, che esercita presso una struttura privata accreditata, sta provvedendo a regolarizzare la sua situazione assicurativa e chiede, in particolare, in cosa consista la copertura postuma”.

L’importanza della garanzia postuma è una conseguenza dell’adozione della clausola “claims made”: la formula ormai conosciuta da tutti per la quale “sono assicurate le richieste di risarcimento ricevute durante il periodo di efficacia della polizza” (e non gli eventi dannosi accaduti durante il periodo di efficacia della polizza). Questa regola comporta che, poiché l’operatività della polizza si interrompe recisamente alla sua scadenza, le richieste di risarcimento pervenute dopo la scadenza – anche se riferite a eventi accaduti durante l’esistenza della stessa – non sono garantite. Questo effetto negativo è superabile quando il medico continua ad esercitare la professione; in questo caso egli può stipulare una nuova polizza con la previsione della garanzia retroattiva. Quando invece il medico interrompe definitivamente la professione, egli non ha alcuna necessità di stipulare una nuova polizza professionale e non potrà usufruire della garanzia retroattiva (che tuttavia gli sarebbe molto utile).

La concessione della garanzia postuma – che è limitata ai casi nei quali la interruzione della professione avvenga volontariamente, ovvero per pensionamento o per decesso del medico – è finalizzata proprio a colmare questa lacuna. Riassumendo, la postuma serve a tenere in copertura gli eventi dannosi accaduti durante il periodo di efficacia per i quali la richiesta di risarcimento è pervenuta solo successivamente alla scadenza della polizza. Ogni assicuratore concede (o non concede) la garanzia postuma proponendo proprie regole riguardo la durata della stessa, il costo, l’efficacia nel tempo. E’ opportuno, in sede di sottoscrizione della polizza, approfondire con l’Assicuratore anche il tema di questa garanzia, considerando non solo la sua importanza, ma anche l’impossibilità di ottenerla a titolo gratuito.

I consulenti di SanitAssicura 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano