Mondo assicurativo 17 novembre 2014

Il mondo delle assicurazioni

“La responsabilità personale per dipendenti e collaboratori”

di Assicurazione

“Un giovane biologo ricercatore, con contratto  Co.Co.Co in un’azienda  sanitaria pubblica, riteneva che la polizza stipulata dalla sua azienda proteggesse anche la sua responsabilità. Gli viene poi spiegato che questa polizza, mentre copre l’ente per i danni cagionati da lui, prevede comunque che la compagnia assicurativa possa rivalersi su di lui per le somme erogate al danneggiato. Qual è la verità?”

La situazione descritta è iniqua, in quanto realizza un differente trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i semplici collaboratori (anche se spesso le funzioni svolte da entrambi nell’azienda sono uguali). Normalmente, infatti, solo i dipendenti sono considerati “assicurati”, al pari dell’azienda contraente, nella polizza di Responsabilità professionale stipulata dalla stessa. I dipendenti quindi, in qualità di assicurati per la loro responsabilità personale, non sono soggetti ad alcuna azione di rivalsa da parte dell’assicuratore (né della stessa azienda per le somme pari alla eventuale franchigia). Al contrario, nel caso dei collaboratori, viene protetto esclusivamente l’interesse dell’azienda: il danno cagionato dal collaboratore viene risarcito, ma questi  rimane esposto all’azione di rivalsa da parte della compagnia di assicurazione e/o dell’azienda stessa. La differenza di trattamento  è dovuta alle diverse garanzie riconosciute dalla legge alle due fattispecie contrattuali. Il Co.Co.Co. è considerato un libero professionista a contratto il quale, per principio, opera a suo rischio. Questo suo stato giuridico comporta che esso non può accedere ai “vantaggi” contrattuali e normativi riservati ai dipendenti. Se l’azienda decidesse di estendere la copertura alla responsabilità personale dei collaboratori rischierebbe di cagionare un “danno erariale” e sarebbe imputabile per aver speso denaro pubblico a garanzia di un rischio non suo, ma esclusivo dei collaboratori. L’obbligo assicurativo presenta un ulteriore svantaggio per il Co.Co.Co, che deve assolverlo autonomamente, mentre il dipendente (a parte la polizza per colpa grave) ne è esentato.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...