Mondo assicurativo 20 ottobre 2014

Il mondo delle assicurazioni

“L’onere della prova nei rapporti tra medico e paziente”

di Assicurazione

“Un medico dipendente di una clinica privata solleva alcune perplessità in merito ad una vicenda accaduta ad un collega, coinvolto in una causa promossa da un suo paziente presunto danneggiato. Lo scrivente era convinto che spettasse al paziente dover provare non solo di aver subito il danno, ma anche che questo sia stato provocato dal medico. Accorgendosi, per contro, che nella pratica si verifica esattamente il contrario, chiede un chiarimento su come comportarsi se dovesse incorrere in una situazione simile”.

Un consolidato orientamento della giurisprudenza ha stabilito, ormai da oltre dieci anni, che la responsabilità medica è di tipo contrattuale non solo quando trattasi di libero professionista ma anche quando ci si riferisca ad un medico dipendente di una struttura. La giurisprudenza afferma infatti che tra medico e paziente si instaura un vero e proprio contratto, in forza del quale spetta al medico l’onere – spesso arduo – di provare che il suo comportamento è stato corretto ed aderente alle migliori pratiche e protocolli. Da questo orientamento, inoltre, scaturisce un’altra pesante conseguenza: il diritto del danneggiato si prescrive non in 5 anni, ma in 10, a far data non da quando il fatto dannoso si è verificato, ma da quando il danneggiato ha avuto consapevolezza del danno subito. Questi due fattori, insieme alle ipervalutazioni dei danni, contribuiscono ad allontanare gli assicuratori dalla Rc sanitaria.
In questo scenario sconfortante si apre però uno “spiraglio roseo” per i medici (ed anche per gli assicuratori): una recentissima sentenza (23 luglio 2014) della 1°sezione del Tribunale di Milano, infatti, dà una forte spallata all’orientamento dominante affermando che la responsabilità medica è di carattere extracontrattuale. Il Tribunale di Milano costituisce storicamente una voce autorevole anche per la Rc medica, e questa sentenza lascia presagire una significativa inversione di tendenza: i medici se ne avvantaggeranno, sia in sede di giudizio, sia per l’approccio più disponibile che avrebbero gli assicuratori nei confronti della Rc sanitaria.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...