Mondo assicurativo 6 ottobre 2014

Il mondo delle assicurazioni

“L’importanza di informarsi sui danni coperti dalla polizza”

di Assicurazione

“Si pone il caso di un medico neurologo, libero professionista,  che per alcune settimane ha avuto in cura un paziente affetto una sindrome per la quale i protocolli internazionali indicano la somministrazione di un farmaco specifico. In linea con tali indicazioni, il medico ha somministrato tale farmaco al paziente. Successivamente viene accertato che il farmaco in questione contribuisce – in soggetti predisposti – al verificarsi del fenomeno della ludopatia. Il medico viene quindi citato in giudizio – insieme agli altri sanitari ed alla struttura che lo hanno avuto in cura – per il risarcimento delle somme che il paziente ha perso al gioco d’azzardo. L’assicuratore respinge la denuncia di sinistro effettuata dal medico, affermando che la polizza copre solo i danni fisici e non quelli patrimoniali. Il medico, dal canto suo, chiede se questo modo di agire è corretto.”

In questo caso l’assicuratore si è comportato in maniera erronea. Le coperture assicurative di responsabilità sanitaria, infatti, prevedono la copertura non solo del danno fisico (il cd. danno biologico) ma anche dei danni patrimoniali conseguenziali (la perdita di reddito, le spese mediche sostenute, etc.). Queste polizze non coprono invece il danno patrimoniale puro (quello che non è conseguenza di un danno fisico, come ad esempio il danno all’immagine). Nel caso su esposto è indubitabile che il danno patrimoniale subito dal paziente (il denaro perso al gioco) sia l’effetto di un’alterazione dello stato fisico dello stesso. Pertanto, il suggerimento è di resistere al rifiuto dell’assicuratore, il quale deve assumersi l’onere della gestione del contenzioso.

Il team SanitAssicura 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano