Mondo assicurativo 22 Giugno 2016

Anatocismo, negato l’ordine di esibizione se non è stata raccolta tutta la documentazione

C’è chi porta in causa una banca per sospetto anatocismo o tassi usurari e chiede al giudice un ordine di esibizione nei confronti dello stesso istituto in relazione a contratti ed estratti conto scalari. Accade però che l’ordine viene negato perché il soggetto danneggiato non si è precedentemente attivato per ottenere la documentazione necessaria attraverso le modalità messe a disposizione dall’art. 119 del T.U.B. (Testo Unico Bancario). Così si è espressa la seconda sezione civile del Tribunale di Padova, attraverso la sentenza n°1663 del 29 maggio scorso, che è di fatto andata contro quanto stabilito sullo stesso tema dalla Cassazione nella sentenza n°5916 del 2016. Non è dunque stata accolta la richiesta della società in causa che voleva ottenere che le clausole dei contratti di apertura di credito, di conto corrente e conto anticipi siano dichiarate nulle a causa della commissione di massimo scoperto. Secondo il giudice di Padova, non è possibile dare il via ad una causa se prima non è stata esaminata tutta la documentazione necessaria, dalla cui analisi scaturirebbe la presunta nullità del contratto o l’eventualità di reati commessi. Se è venuta a mancare la consultazione dei documenti necessari, i conteggi depositati in giudizio non rappresentano valori attendibili. Ne consegue che il correntista avrebbe dovuto richiedere tutta la documentazione del caso al fine di annullare le clausole dei rapporti con la banca. Per questo motivo la perizia di parte realizzata non può essere considerata definitiva, ma parziale.

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli