Meteo 27 giugno 2017

L’autista ti accompagna in ospedale: il progetto “Careggi Vieni Con Me!” da Novartis

Un servizio di trasporto non assistito in auto per tutti quei pazienti che hanno difficoltà a raggiungere l’ospedale per le visite e le terapie oncologiche. E’ il progetto pilota “Careggi Vieni Con Me!”, sponsorizzato da Novartis Oncology. Alla presentazione dell’iniziativa, l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi: «Come Regione, stiamo mettendo in atto una serie di […]

Un servizio di trasporto non assistito in auto per tutti quei pazienti che hanno difficoltà a raggiungere l’ospedale per le visite e le terapie oncologiche. E’ il progetto pilota “Careggi Vieni Con Me!”, sponsorizzato da Novartis Oncology. Alla presentazione dell’iniziativa, l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi: «Come Regione, stiamo mettendo in atto una serie di iniziative per essere più vicini alle persone malate di tumore, farle sentire meno sole in questa fase delicata della loro vita, e assisterle meglio nel loro percorso, sollevandole, per quanto possibile, da tutte quelle incombenze legate alla loro patologia. Per questo accolgo con grande favore l’iniziativa di Novartis, e spero che, dopo i sei mesi di sperimentazione, il progetto possa essere esteso anche ad altri ospedali toscani”.

Il progetto è in linea con l’introduzione del principio dell‘umanizzazione delle cure e della centralità del paziente, veri e propri fulcri del Patto per la Salute 2014-1017, accordo programmatico tra il Governo e le Regioni, finalizzato a migliorare la qualità dei servizi, a promuovere l’appropriatezza delle prestazioni e a garantire l’unitarietà del sistema.

Sarà il Centro oncologico a definire i criteri ed a individuare i pazienti che possono usufruire del servizio. L’oncologo consegna quindi un buono al paziente valido per un’andata e ritorno dalla sua abitazione alla sede ospedaliera. Il paziente prenota il servizio una settimana prima e il giorno dell’appuntamento un autista incaricato passa a prelevare il paziente presso il suo domicilio. L’autista è poi a disposizione del paziente per il rientro al suo domicilio.

L’iniziativa coinvolge quattro centri di riferimento in Italia: oltre a Careggi, il Centro Oncologico di Aviano, l’Ospedale di Taormina e il Policlinico Gemelli di Roma. Al termine dei prossimi sei mesi, il progetto sarà rivalutato e, se avrà incontrato il gradimento degli oncologi e dei pazienti, proseguirà anche per il 2018, possibilmente migliorato grazie ai commenti di chi ne avrà usufruito. L’anno prossimo verrà valutata la possibile estensione ad altri centri ospedalieri della Toscana.

Articoli correlati
Oftalmologia, al via il Congresso SITRAC a Firenze. Eccellenze italiane ed esperti mondiali
Si terrà a Firenze a partire dal 22 Febbraio il Congresso Nazionale “S.I.TRA.C., Società Italiana Trapianto di Cornea” organizzato dalla Dottoressa Rita Mencucci, medico chirurgo presso la Clinica Oculistica dell’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi  e componente del Consiglio direttivo SITRAC. La S.I.TRA.C ha la l’obiettivo di favorire lo scambio di informazioni, conoscenze ed esperienze riguardanti le tecniche […]
Record per il Careggi di Firenze: 14 nuove sale e 10mila interventi l’anno
Quattromila metri quadri nei quali lavoreranno 189 medici chirurghi e anestesisti, 108 infermieri 49 operatori sanitari e 24 tecnici: l'ospedale di Firenze fa scuola
Firenze: inaugurato il nuovo Trauma Center di Careggi
Una struttura di quasi 4mila metri quadri, che si estende su due piani, interamente dedicata alla diagnosi e alla cura di traumi ortopedici, che sostituisce il vecchio CTO dell’ospedale. Le situazioni più complesse e i politraumi verranno gestiti al piano superiore, mentre nel seminterrato verranno curati traumi minori, come le fratture. Presente inoltre un’area dedicata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...