Meteo 4 Dicembre 2017 18:46

Vaccini, Bologna: al Sant’Orsola apre l’ambulatorio ad alta specializzazione

Al Sant’Orsola di Bologna apre l’Ambulatorio ad alta specializzazione per somministrare i vaccini ai pazienti fino a 16 anni con situazioni cliniche complesse, come malattie rare, allergie e intolleranze. «Non si tratta – precisa la Regione su Quotidiano Sanità – di un Centro di ascolto con un’interazione diretta con i cittadini, ma un punto di […]

Al Sant’Orsola di Bologna apre l’Ambulatorio ad alta specializzazione per somministrare i vaccini ai pazienti fino a 16 anni con situazioni cliniche complesse, come malattie rare, allergie e intolleranze.

«Non si tratta – precisa la Regione su Quotidiano Sanità – di un Centro di ascolto con un’interazione diretta con i cittadini, ma un punto di riferimento sicuro e autorevole per pediatri e medici che intercettano determinate problematiche – come ad esempio i casi di esonero, omissione o differimento delle vaccinazioni obbligatorie in patologie complesse o rare – e che potranno inviare questi pazienti nell’ambulatorio, così da organizzare un percorso condiviso per decidere la fattibilità della vaccinazione, o l’opportunità di posticiparla. La struttura, quindi, non è ad accesso diretto, ma ‘mediato’ da medico o pediatra di base».

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni