Meteo 6 dicembre 2016

Reggio Calabria: Sanità, in Prefettura riunione con i sindaci

Il prefetto Michele di Bari ha presieduto una riunione del Tavolo di coordinamento istituito per affrontare le problematiche sanitarie del comprensorio della Locride. «Alla riunione – si può leggere in una nota della prefettura – hanno partecipato i Sindaci di Locri e Siderno, il presidente dell’associazione dei comuni della Locride, il commissario e il subcommissario […]

Il prefetto Michele di Bari ha presieduto una riunione del Tavolo di coordinamento istituito per affrontare le problematiche sanitarie del comprensorio della Locride. «Alla riunione – si può leggere in una nota della prefettura – hanno partecipato i Sindaci di Locri e Siderno, il presidente dell’associazione dei comuni della Locride, il commissario e il subcommissario unico alla sanita’ calabrese e il commissario straordinario della locale Azienda sanitaria provinciale».

«Come si ricordera‘ – prosegue la nota – la decisione di costituire un Tavolo di coordinamento era stata assunta nel corso dell’incontro che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, aveva avuto, presso questo palazzo del governo, il 7 novembre scorso, con i sindaci di Locri e di Siderno, i centri piu’ popolosi dell’area predetta, con il presidente dell’associazione dei sindaci della Locride e con il commissario e il sub commisario unico alla sanita’ calabrese. Nell’occasione gli amministratori locali avevano segnalato la situazione di disagio che si era venuta a determinare per i cittadini di quel territorio a seguito della chiusura dell’ospedale di Siderno, successiva al ridimensionamento delle strutture sanitarie in ambito regionale e la riorganizzazione dell’unico presidio ospedaliero previsto, sito a Locri, in ospedale Spoke. I sindaci avevano messo in evidenza soprattutto le carenze degli organici dei medici e dei paramedici e delle risorse tecnologiche, del tutto insufficienti a rispondere alle esigenze di un bacino di circa 180 mila abitanti e a garantire i livelli minimi di assistenza. Da li’ era scaturita la proposta del ministro di costituire un Tavolo, presieduto dal prefetto, per dare piena operativita’ al Piano sanitario, gia’ adottato dal commissario alla Sanita’, e per scandirne i tempi di attuazione. Nel corso della riunione del 25 novembre sono stati approfonditi i temi afferenti all’efficacia e all’efficienza dei servizi ospedalieri nonche’ ai fabbisogni di personale medico e paramedico e di attrezzature sanitarie dell’ospedale Spoke di Locri. E’ stato fatto, inoltre, il punto sui lavori di completamento della struttura ospedaliera di Locri per i quali il ministero della Salute ha gia’ concesso la proroga. Il commissario straordinario dell’Azienda provinciale sanitaria si e’ riservato di produrre, a brevissima scadenza, un dettagliato cronoprogramma delle attivita’ e delle procedure di realizzazione delle linee guida regionali».

«A conclusione dell’incontro il prefetto – conclude la nota –, nel sottolineare che e’ dovere dell’istituzioni assicurare a tutti i cittadini i servizi sanitari e le cure mediche del caso, ha rivolto un invito ai presenti ai fini di una collaborazione proficua per il superamento di ogni ostacolo per il pieno godimento del diritto alla salute ed ha comunicato che, prossimamente, verra’ convocato un’ altra riunione del Tavolo di coordinamento per un aggiornamento e un costante monitoraggio della situazione».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...