Meteo 26 aprile 2017

Nuove regole per accreditare le strutture sanitarie

Il Consiglio Regionale della Puglia ha approvato una nuova disciplina in materia di autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio, all’accreditamento istituzionale e accordi contrattuali delle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private. L’obiettivo è migliorare la qualità delle strutture sanitarie, garantendo l’erogazione di prestazioni sicure ed efficaci e rendere più trasparente ed efficiente il rapporto tra […]

Il Consiglio Regionale della Puglia ha approvato una nuova disciplina in materia di autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio, all’accreditamento istituzionale e accordi contrattuali delle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private. L’obiettivo è migliorare la qualità delle strutture sanitarie, garantendo l’erogazione di prestazioni sicure ed efficaci e rendere più trasparente ed efficiente il rapporto tra Regione e strutture, riducendo anche i contenziosi amministrativi e giurisdizionali. Tra le novità più rilevanti, l’introduzione dell’assenza di condanne definitive per reati di evasione fiscale e contributiva come requisito per l’accreditamento e l’aumento delle sanzioni pecuniarie in caso di violazione delle norme.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...