Meteo 23 giugno 2016

Molise e Abruzzo, un software formerà personale medico negli screening oncologici

Un nuovo software per formare i referenti delle aziende sanitarie di Molise e Abruzzo. Capofila del progetto, che mira a migliorare l’accesso agli screening oncologici, ad intervenire con precise verifiche sul recapito delle lettere-invito spedite a domicilio, ad aggiornare le liste anagrafiche dell’utenza e ad ampliare la copertura dei controlli, c’è la Asl 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila. […]

Un nuovo software per formare i referenti delle aziende sanitarie di Molise e Abruzzo. Capofila del progetto, che mira a migliorare l’accesso agli screening oncologici, ad intervenire con precise verifiche sul recapito delle lettere-invito spedite a domicilio, ad aggiornare le liste anagrafiche dell’utenza e ad ampliare la copertura dei controlli, c’è la Asl 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila.

«Si tratta – spiega una nota della Asl – di un nuovo software, il cui funzionamento è stato illustrato nel corso di un’intera giornata di formazione,  capace di mettere a nudo i punti critici dei programmi di screening regionali e di eliminarli con l’adozione di adeguate contromisure. Il fine è attuare le giuste azioni per il potenziamento dei programmi di diagnosi precoce del tumore della mammella, del colon – retto e del cervicocarcinoma».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...