Meteo 17 gennaio 2017

Marche, Ceriscioli: “Al pronto soccorso solo codici rossi e gialli”

«A Urbino un ospedale vero con un Pronto Soccorso grande. Intorno una rete di strutture che lavora h24». Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli vede finalmente attuarsi la riforma sanitaria. Per quanto riguarda la riorganizzazione sanitaria della rete dell’emergenza-urgenza essa si avvarrà dei Pat (Punti di assistenza territoriale) per i codici bianchi e verdi […]

«A Urbino un ospedale vero con un Pronto Soccorso grande. Intorno una rete di strutture che lavora h24». Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli vede finalmente attuarsi la riforma sanitaria. Per quanto riguarda la riorganizzazione sanitaria della rete dell’emergenza-urgenza essa si avvarrà dei Pat (Punti di assistenza territoriale) per i codici bianchi e verdi e del Pronto Soccorso per i codici gialli e rossi. Ne ha parlato alla Dire durante l’inaugurazione del nuovo Pronto Soccorso di Urbino lo stesso Ceriscioli. «La riforma assegna all’ospedale di Urbino un ruolo di riferimento per le aree interne della provincia di Pesaro Urbino: il Pronto Soccorso in questo contesto era un punto debole – spiega Ceriscioli – Ora si configura un sistema interessante. A Urbino un ospedale vero con un Pronto Soccorso grande in grado di accogliere codici rossi e gialli. Intorno una rete di strutture che lavora h24. Presidi (Cagli, Sassocorvaro e Fossombrone ndr) dedicati ai codici bianchi e verdi». Nella riforma sanitaria regionale secondo il presidente Ceriscioli «i Pat devono fare da filtro rispetto alla struttura principale per dare una risposta ai casi più semplici: rendiamo più efficiente il servizio mandando al Pronto Soccorso solo i casi che hanno reale necessità». E rispetto al modello sanitario della vicina Emilia-Romagna secondo Ceriscioli c’è un servizio in più. «Rispetto al modello emiliano-romagnolo, che ha lasciato le Case della Salute con i servizi dalle 8 alle 20, noi abbiamo mantenuto un sistema che lavora anche di notte – conclude – Con l’ambulatorio di accesso territoriale di fatto, cambiando di nome, continuiamo invece a offrire un servizio anche notturno».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...