Friuli-Venezia Giulia 31 Ottobre 2016 12:41

Friuli Venezia Giulia: La riforma sanitaria migliora il rapporto medico-paziente

La nuova riforma sanitaria nel Friuli Venezia Giulia ha posto il cittadino-paziente al centro del sistema. Come ha rilevato l’assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, la legge regionale n.17 del 2014, preceduta dalla legge regionale n.17 del 2013, ha fissato i principi base sui quali costruire l’organizzazione del sistema socio-sanitario del Friuli Venezia Giulia, […]

La nuova riforma sanitaria nel Friuli Venezia Giulia ha posto il cittadino-paziente al centro del sistema.
Come ha rilevato l’assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, la legge regionale n.17 del 2014, preceduta dalla legge regionale n.17 del 2013, ha fissato i principi base sui quali costruire l’organizzazione del sistema socio-sanitario del Friuli Venezia Giulia, sancendo che il rispetto della libertà della persona in tutte le sue più ampie accezioni è il cuore della riforma sanitaria. La sanità viene in qualche modo ri-umanizzata, assumendo un approccio olistico alla persona, la quale non viene mai ‘confusa’ con la sua malattia, ma è rispettata nella sua essenza più profonda.
Il cambiamento, ha soggiunto Telesca, mira a migliorare il rapporto tra il medico e il paziente, anche avvicinando i servizi sul territorio.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni