Meteo 29 Novembre 2016

Friuli Venezia Giulia. Novità terapeutica: trapianti di rene prima della dialisi

I pazienti con insufficienza renale cronica, non ancora in dialisi, possono essere trapiantati utilizzando il rene di un donatore deceduto, ovvero con un trapianto preemptive. È quanto emerso durante il convegno “Programmi di sviluppo del trapianto renale in Friuli Venezia Giulia: focus sul trapianto preemptive”, organizzato da Domenico Montanaro, direttore della struttura operativa complessa di […]

I pazienti con insufficienza renale cronica, non ancora in dialisi, possono essere trapiantati utilizzando il rene di un donatore deceduto, ovvero con un trapianto preemptive.

È quanto emerso durante il convegno “Programmi di sviluppo del trapianto renale in Friuli Venezia Giulia: focus sul trapianto preemptive”, organizzato da Domenico Montanaro, direttore della struttura operativa complessa di Nefrologia dialisi e trapianto renale dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine (Asuiud), in collaborazione con l’associazione nazionale emodializzati-dialisi e trapiantato del FVG (Aned), nella sala Ajace del municipio di Udine.

La nuova opzione terapeutica è resa possibile grazie all’elevato numero di donatori di organi della nostra regione «che permette di poter trapiantare le persone prima di iniziare il trattamento dialitico senza penalizzare quelli che restano in lista di attesa» ha specificato Montanaro.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano