Meteo 29 gennaio 2019

Firenze, al Meyer arriva laser dermatologico all’avanguardia

Il Meyer punta sulla dermatologia. Da adesso in poi, i piccoli pazienti non dovranno più rivolgersi a strutture private presenti sul territorio oppure ad andare fuori Regione. Grazie all’attivazione di un laser tecnologicamente all’avanguardia, l’Ospedale pediatrico fiorentino sarà in grado di dare una risposta anche ai problemi cutanei. La nuova tecnologia del laser a colorante pulsato, cura […]

Il Meyer punta sulla dermatologia. Da adesso in poi, i piccoli pazienti non dovranno più rivolgersi a strutture private presenti sul territorio oppure ad andare fuori Regione. Grazie all’attivazione di un laser tecnologicamente all’avanguardia, l’Ospedale pediatrico fiorentino sarà in grado di dare una risposta anche ai problemi cutanei.

La nuova tecnologia del laser a colorante pulsato, cura tutte le alterazioni vascolari cutanee e le cicatrici di formazione recente arrossate e ipertrofiche. Il macchinario lavora sulla “macchia” da trattare in modo intelligente e mirato: riconosce la parte cromatica del sangue ed è in grado di chiudere i vasi interessati, ripristinando la formazione di un circolo vascolare corretto. È inoltre dotato di un meccanismo di refrigerazione cutanea che riduce quella sensazione di calore che può risultare dolorosa per i bambini.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...