Meteo 10 Giugno 2019 15:30

Catania, al Centro Agorà si celebra la salute del cittadino straniero

“We have a dream” è il tema della “festa dei popoli: food, dream e drink” che si svolgerà domani, alle ore 12.30, presso il Centro Agorà (Via Sardo, 20 – centro per la promozione della salute della popolazione nomade, immigrata e senza fissa dimora) dell’Asp di Catania. L’appuntamento è organizzato dal Centro Agorà, dalla coordinatrice […]

“We have a dream” è il tema della “festa dei popoli: food, dream e drink” che si svolgerà domani, alle ore 12.30, presso il Centro Agorà (Via Sardo, 20 – centro per la promozione della salute della popolazione nomade, immigrata e senza fissa dimora) dell’Asp di Catania.

L’appuntamento è organizzato dal Centro Agorà, dalla coordinatrice del progetto, la dottoressa Loredana Sucato e dall’UOC Medicina delle Migrazioni ed Emergenze sanitarie in partenariato con l’Associazione Penelope-coordinamento solidarietà sociale onlus (coordinatrice di Catania, dottoressa Oriana Cannavò) e si propone come momento di incontro tra gli operatori e gli utenti stranieri che quotidianamente si rivolgono ai servizi presenti all’interno del Centro.

«Con questa giornata – spiegano gli organizzatori – vogliamo sottolineare la necessità di passare da una concezione di salute centrata solo sull’individuazione di disfunzioni fisiche meramente legate alla persona che ne è portatrice, a un’idea che si apre alle diverse condizioni che incidono sulla salute del cittadino straniero, perlopiù legate a situazioni di precarietà sociale, disparità culturale, vera e propria fragilità sociale».

In tale prospettiva la festa dei popoli si presenta come un’opportunità di scambio e condivisione di saperi, sapori e profumi, nel rispetto delle singole tradizioni, e come un’occasione di condivisione di uno spazio di incontro per favorire la partecipazione, la facilità di accesso ai servizi, lo studio e l’approfondimento delle tematiche relative all’integrazione culturale.

Il Centro Agorà da circa 8 anni rappresenta una realtà consolidata e conosciuta sul territorio e un punto di riferimento sia per gli utenti stranieri sia per le istituzioni pubbliche e del privato sociale. In questi anni il Centro ha maturato un approccio fondato sulle regole dell’accoglienza, dell’umanizzazione dei servizi e della relazione con “l’altro”.

Momento importante nella costruzione delle modalità con cui erogare i servizi è, per gli operatori del centro, il confronto costante con gli utenti stranieri, spesso appartenenti a categorie disagiate della società, che presentano problematiche complesse e che necessitano di una presa in carico culturalmente adeguata e di tipo integrato.

Articoli correlati
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
Giornata della Sclerodermia, la malattia non tarpa le ali ai sogni. La storia di mamma Gabriella
Si celebra il 29 giugno di ogni anno, in tutto il mondo. La presidente Ails: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri»
di Isabella Faggiano
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco