Meteo 10 Giugno 2019 15:30

Catania, al Centro Agorà si celebra la salute del cittadino straniero

“We have a dream” è il tema della “festa dei popoli: food, dream e drink” che si svolgerà domani, alle ore 12.30, presso il Centro Agorà (Via Sardo, 20 – centro per la promozione della salute della popolazione nomade, immigrata e senza fissa dimora) dell’Asp di Catania. L’appuntamento è organizzato dal Centro Agorà, dalla coordinatrice […]

“We have a dream” è il tema della “festa dei popoli: food, dream e drink” che si svolgerà domani, alle ore 12.30, presso il Centro Agorà (Via Sardo, 20 – centro per la promozione della salute della popolazione nomade, immigrata e senza fissa dimora) dell’Asp di Catania.

L’appuntamento è organizzato dal Centro Agorà, dalla coordinatrice del progetto, la dottoressa Loredana Sucato e dall’UOC Medicina delle Migrazioni ed Emergenze sanitarie in partenariato con l’Associazione Penelope-coordinamento solidarietà sociale onlus (coordinatrice di Catania, dottoressa Oriana Cannavò) e si propone come momento di incontro tra gli operatori e gli utenti stranieri che quotidianamente si rivolgono ai servizi presenti all’interno del Centro.

«Con questa giornata – spiegano gli organizzatori – vogliamo sottolineare la necessità di passare da una concezione di salute centrata solo sull’individuazione di disfunzioni fisiche meramente legate alla persona che ne è portatrice, a un’idea che si apre alle diverse condizioni che incidono sulla salute del cittadino straniero, perlopiù legate a situazioni di precarietà sociale, disparità culturale, vera e propria fragilità sociale».

In tale prospettiva la festa dei popoli si presenta come un’opportunità di scambio e condivisione di saperi, sapori e profumi, nel rispetto delle singole tradizioni, e come un’occasione di condivisione di uno spazio di incontro per favorire la partecipazione, la facilità di accesso ai servizi, lo studio e l’approfondimento delle tematiche relative all’integrazione culturale.

Il Centro Agorà da circa 8 anni rappresenta una realtà consolidata e conosciuta sul territorio e un punto di riferimento sia per gli utenti stranieri sia per le istituzioni pubbliche e del privato sociale. In questi anni il Centro ha maturato un approccio fondato sulle regole dell’accoglienza, dell’umanizzazione dei servizi e della relazione con “l’altro”.

Momento importante nella costruzione delle modalità con cui erogare i servizi è, per gli operatori del centro, il confronto costante con gli utenti stranieri, spesso appartenenti a categorie disagiate della società, che presentano problematiche complesse e che necessitano di una presa in carico culturalmente adeguata e di tipo integrato.

Articoli correlati
Con pandemia cyberbullismo in aumento, rabbia e apatia i “campanelli d’allarme”
Vergogna, ansia, frustrazione, rabbia, apatia fino a sintomi fisici di mal di testa, mal di pancia e insonnia. Sono questi i primi segnali per riconoscere una vittima di cyberbullismo. In occasione del Safer Internet day, che si celebra l’11 febbraio, Consulcesi lancia ebook con consigli utili per medici e genitori.
Convivere con il Cancro: il progetto “Pink Positive” di Daiichi Sankyo Italia diventa un sito
In occasione della giornata mondiale contro il cancro, Daiichi Sankyo Italia lancia il sito Pink Positive, con nuovi capitoli dell’ebook, scritto e aggiornato dai maggiori esperti italiani per aiutare le pazienti oncologiche e i caregiver ad affrontare meglio i vari aspetti della quotidianità dopo la diagnosi, e con l’aggiunta di contenuti multimediali e una lista di link a fonti affidabili e servizi disponibili
La danza modifica la sostanza grigia. Il neurologo: «Aumenta la plasticità cerebrale e protegge dal decadimento cognitivo»
Per gli anziani benefici associati: Cappa (Sin): «Partecipare alle lezioni di ballo migliorerà la vita sociale, l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare»
di Isabella Faggiano
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...