Meteo 12 Gennaio 2018 14:11

Ancona, Ospedali Riuniti: primo intervento per curare enfisema polmonare con il vapore

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi. «L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano […]

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi.

«L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano Gasparini, che ha eseguito l’intervento assieme ai medici Lina Zuccacosta e Martina Bonifazi – rientra insieme alla bronchite cronica nell’ambito delle bronco pneumopatie croniche ostruttive e provoca l’incapacità di espellere l’aria (iperinflazione) per la ridotta elasticità del tessuto polmonare. In sostanza gli alveoli polmonari intrappolano l’aria provocando tosse cronica, affanno e nelle fasi avanzate anche insufficienza respiratoria invalidante. Occorre dunque ridurre il volume dei polmoni, un risultato che prima si otteneva con un intervento di asportazione delle parti più compromesse, o introducendo al loro interno valvole che favorissero l’uscita dell’aria (impedendone l’entrata), o con spirali che avvolgono il lobo polmonare malato. La nuova metodica – ha specificato il direttore Gasparini – consente invece col vapore di causare  alla parte malata un danno termico con conseguente cicatrice, che retrae la zona trattata, riducendone il volume».

L’operazione è stata effettuata su un paziente di 68 anni. «L’intervento – ha sottolineato l’equipe medica – non elimina la malattia, né l’utilizzo dei farmaci. Riduce solo i sintomi di affaticamento e difficoltà respiratoria migliorando la qualità della vita. La difficoltà dell’operazione non è tanto nel trattamento della durata di 15 minuti, quanto nello studio del paziente dal quale scaturiscono i dati da introdurre nel software in base alla Tac per determinare precisamente la sede da trattare e l’energia calorica da applicare. Resta fondamentale per tutti la prevenzione – ha ricordato Fabrizio Volpini, presidente della quarta Commissione Sanità del Consiglio regionale e consigliere delegato alla Sanità – dal momento che le bronco pneumopatie croniche ostruttive derivano principalmente dal fumo di sigaretta, da inquinamento ambientale o da esposizione professionale a polveri. Colpiscono una persona su dieci e sono la quarta causa di morte nel mondo».

Articoli correlati
Long Covid, Corsico (pneumologo): «Conseguenze polmonari per un terzo dei pazienti»
«La maggior parte continua ad avere problemi respiratori ma ci possono essere conseguenze neurologiche – spiega il professor Corsico -. Anche in pazienti che hanno gestito la malattia a casa riscontriamo effetti a livello polmonare nonostante l’infezione sia stata superata senza la necessità di un ricovero»
Covid, stress post traumatico per un sanitario su tre
Isabel Fernandez (presidente associazione EMDR Italia): «Serve supporto psicologico in ospedale per medici e infermieri. L'EMDR funziona»
Parental burnout: non è un paese per genitori, soprattutto di bambini fragili
La psicoterapeuta elenca i sintomi del burnout genitoriale: «A livello fisico, alterazione sonno-veglia, mal di testa e dolori gastro-intestinali. A livello psichico, invece, è possibile sviluppare fantasie di fuga, distanziamento emotivo dai propri figli e un’accresciuta irritabilità. Nei casi più gravi, trascuratezza, violenza e abusi»
di Isabella Faggiano
Ictus e covid-19, Di Lazzaro (Campus): «Drammatico calo dei pazienti in pronto soccorso»
Per paura di contrarre il COVID-19, molti pazienti non si recano al pronto soccorso: «In caso di sintomi agire presto per evitare danni permanenti»
Presbiopia e protezione oculare: con smart working affaticamento, vista poco nitida e bruciore agli occhi
Al Progressive Business Forum 2020 si è parlato di gestione della presbiopia con le lenti progressive e di protezione degli occhi in questa fase di cambiamenti nel nostro stile di vita e nella routine lavorativa, come il massiccio ricorso al lavoro agile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco