Meteo 12 Gennaio 2018

Ancona, Ospedali Riuniti: primo intervento per curare enfisema polmonare con il vapore

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi. «L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano […]

Combattere l’enfisema polmonare iniettando vapore acqueo ad alta temperatura (75-80 gradi) nella parte malata. E’ il nuovo tipo di intervento tentato per la prima volta in Italia dal Sod di Pneumologia degli Ospedali Riuniti di Ancona ed illustrato dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Michele Caporossi.

«L’enfisema polmonare – ha spiegato il direttore di Pneumologia Stefano Gasparini, che ha eseguito l’intervento assieme ai medici Lina Zuccacosta e Martina Bonifazi – rientra insieme alla bronchite cronica nell’ambito delle bronco pneumopatie croniche ostruttive e provoca l’incapacità di espellere l’aria (iperinflazione) per la ridotta elasticità del tessuto polmonare. In sostanza gli alveoli polmonari intrappolano l’aria provocando tosse cronica, affanno e nelle fasi avanzate anche insufficienza respiratoria invalidante. Occorre dunque ridurre il volume dei polmoni, un risultato che prima si otteneva con un intervento di asportazione delle parti più compromesse, o introducendo al loro interno valvole che favorissero l’uscita dell’aria (impedendone l’entrata), o con spirali che avvolgono il lobo polmonare malato. La nuova metodica – ha specificato il direttore Gasparini – consente invece col vapore di causare  alla parte malata un danno termico con conseguente cicatrice, che retrae la zona trattata, riducendone il volume».

L’operazione è stata effettuata su un paziente di 68 anni. «L’intervento – ha sottolineato l’equipe medica – non elimina la malattia, né l’utilizzo dei farmaci. Riduce solo i sintomi di affaticamento e difficoltà respiratoria migliorando la qualità della vita. La difficoltà dell’operazione non è tanto nel trattamento della durata di 15 minuti, quanto nello studio del paziente dal quale scaturiscono i dati da introdurre nel software in base alla Tac per determinare precisamente la sede da trattare e l’energia calorica da applicare. Resta fondamentale per tutti la prevenzione – ha ricordato Fabrizio Volpini, presidente della quarta Commissione Sanità del Consiglio regionale e consigliere delegato alla Sanità – dal momento che le bronco pneumopatie croniche ostruttive derivano principalmente dal fumo di sigaretta, da inquinamento ambientale o da esposizione professionale a polveri. Colpiscono una persona su dieci e sono la quarta causa di morte nel mondo».

Articoli correlati
Fibromialgia, all’Aou senese lo studio per valutare la severità della malattia
La fibromialgia è una malattia cronica caratterizzata da dolore diffuso, rigidità muscolare, affaticamento, disturbi del sonno, e riduzione del tono dell’umore. Colpisce circa 2 milioni di persone in Italia. Si manifesta, generalmente, tra i 25 e i 55 anni. Le donne hanno più probabilità di svilupparla rispetto agli uomini. All’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, nella UOC Reumatologia diretta […]
Sindrome dell’occhio secco: a Sassari è il mese della prevenzione
Ha preso il via anche a Sassari il mese della prevenzione e diagnosi della sindrome dell’occhio secco, promosso dal Centro Italiano Occhio Secco (CIOS), in collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese, sotto il patrocinio del Ministero della Salute, della Regione Lombardia, del Comune di Milano e della Società Italiana di Oftalmologia (SOI). […]
Frenare l’asma è possibile. Parte ASMAZEROweek, con visite gratuite nei Centri Specializzati di tutta Italia
ASMAZEROweek è un evento a carattere nazionale di consulenze specialistiche gratuite per pazienti con asma. Dal 3 al 7 giungo 2019 le persone affette da asma potranno infatti recarsi presso numerosi Centri specialistici presenti sul territorio per effettuare una valutazione di controllo dello stato della patologia e ricevere informazioni utili alla sua gestione. ASMAZEROweek è […]
#StorieRare | Vivere con l’ipertensione polmonare si può, lo insegna Giulia: «Grazie all’umanità dei medici non ho mai perso la speranza»
La storia della giovane illustratrice è un inno alla vita: all’età di 23 anni scopre la malattia rara e da allora lotta per avere un’esistenza normale. La svolta con il trapianto di polmone: «Per me è stata una rinascita»
Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli
Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...