Agopuntura, un antico rimedio sempre più attuale

Un antidolorifico naturale senza componenti chimiche: si tratta dell’agopuntura, la tecnica di medicina alternativa utilizzata in Cina sin dall’antichità

Un antidolorifico naturale senza componenti chimiche: si tratta dell’agopuntura, la tecnica di medicina alternativa utilizzata in Cina sin dall’antichità. Un team di ricerca dell’istituto LA BioMed di Los Angeles ha scoperto che l’agopuntura è una tecnica assolutamente efficace contro il dolore perché favorisce il rilascio di monossido di azoto utile come analgesico. A spiegare i benefici di questa antico trattamento è Liu Baoyan, Presidente della World Federation of Acupuncture-moxibustion Societies.

Come procede la diffusione dell’agopuntura in Europa e nel resto mondo? Quali prospettive ci sono per i prossimi anni?

«La diffusione della medicina cinese, soprattutto l’agopuntura, anche nei paesi esteri, sta diventando sempre più ampia. L’agopuntura, nonostante anni fa fosse considerata un ‘palliativo’, in realtà ad oggi gli si riconosce una vera e propria funzione terapeutica e curativa. L’agopuntura è un valido trattamento per le patologie dolorose e negli ultimi tempi, sta acquisendo sempre più autorevolezza anche per trattare altri tipi di patologie, non soltanto quelle dolorose. Oggi questa tecnica, non è più soltanto considerata un ‘rimedio’ al dolore ma una vera e propria terapia sempre più utilizzata nelle cliniche private e nelle strutture pubbliche di molti paesi»

Oltre l’agopuntura, quali sono le altre tecniche che fanno parte della famiglia della medicina cinese che potrebbero prendere piede in Europa?

«L’agopuntura comprende tantissimi aspetti, quindi ci sono tantissime tecniche che si rifanno a questa terapia. La tecnica del massaggio per esempio fa parte della grande famiglia che comprende anche l’agopuntura stessa. Parliamo dunque di tecniche estremamente varie che in Europa sono sempre più diffuse perché avvalorate da ottimi risultati»

La medicina cinese si avvale anche dell’utilizzo delle erbe e di composti rigorosamente naturali, può spiegarci le funzioni di questi elementi?

«Studiare i principi attivi e i benefici delle erbe è fondamentale per progredire con la medicina alternativa. L’utilità di componenti naturali che non alterano l’equilibrio ordinario dell’organismo è un elemento da incentivare ed avvalorare. Ci sono tantissime erbe cinesi sul mercato che stanno arrivando sempre in più paesi, quindi è cene che se ne conoscano le proprietà e le caratteristiche, di conseguenza è importante la formazione in merito anche e soprattutto nei paesi occidentali».

Articoli correlati
Omeopatia sì. Simonetta Bernardini (Siomi): «La medicina integrata è il futuro. La Regione Toscana non torni indietro»
«Per i pazienti un doppio sistema di diagnosi e cura». Lo dichiara la Presidente della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata
di Isabella Faggiano
Pianto cronico dei neonati: un rimedio? L’agopuntura
«L’agopuntura può essere un ottimo rimedio per il pianto dei neonati» a dirlo è Mario Sorrentino, medico esperto in Medicina Tradizionale Cinese, Agopuntura e Addominopuntura in relazione allo studio svedese condotto da quattro centri di salute infantile sugli effetti dell’agopuntura sui bambini. Il trial svedese ha preso come riferimento un campione di 147 bambini affetti […]
L’agopuntura aiuta i pazienti oncologici, partita sperimentazione a Genova
Medicina alternativa per i malati oncologici. Shatzu, agopuntura, fitoterapia e dieta, abbinati ai farmaci tradizionali e alle terapie mediche, migliorano le condizioni dei malati, in particolare dei pazienti oncologici. Lo affermano i responsabili di una sperimentazione di 12 mesi partita a gennaio presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo in provincia di Genova. La vicepresidente della Regione Liguria e […]
Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia
L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine
Dry needling e agopuntura, interrogazione parlamentare: ci vuole una formazione specifica
Regolamentare le medicina non convenzionali. Questo il tema all'attenzione del Senato nell'ottica di garantire la piena sicurezza e la certezza normativa per gli operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila