Long Covid 31 Maggio 2023 11:28

I giovani non credono alla prevenzione: «È un effetto del post Covid…»

Nonostante le malattie cardiovascolari rappresentino ancora oggi la prima causa di mortalita’  nel nostro Paese, responsabili del 44% di tutti i decessi, con una prevalenza piu’  elevata della media europea, quasi la maggior parte dei giovani e’  convinta che la prevenzione sia inutile e che i comportamenti non influenzino la salute cardiovascolare. Lo dimostrano i […]

I giovani non credono alla prevenzione: «È un effetto del post Covid…»

Nonostante le malattie cardiovascolari rappresentino ancora oggi la prima causa di mortalita’  nel nostro Paese, responsabili del 44% di tutti i decessi, con una prevalenza piu’  elevata della media europea, quasi la maggior parte dei giovani e’  convinta che la prevenzione sia inutile e che i comportamenti non influenzino la salute cardiovascolare. Lo dimostrano i dati di un un’indagine su 10mila studenti di eta’  compresa tra i 12 e 19 anni, condotta dall’Associazione Laboratorio Adolescenza e Istituto di ricerca Iard, in collaborazione con la Fondazione De Gasperis di Milano.    Ai partecipanti e’  stato chiesto quale fosse secondo loro la malattia piu’  diffusa e quale la piu’  grave tra quelle che causano maggiore mortalita’  tra tumore, malattie cardiovascolari, diabete e Covid-19. I risultati dell’indagine accolti con preoccupazione dagli esperti della Fondazione ‘Il Cuore Siamo Noi’, in occasione della giornata dedicata alla lotta ai fattori di rischio prevenibili, mostrano che i giovani dopo la pandemia sono diventati piu’  scettici riguardo alla prevenzione cardiovascolare e meno preoccupati della gravita’  e diffusione delle malattie cardiache.

Dal 2019 a oggi la percentuale dei ragazzi che non credono esistano comportamenti idonei a prevenire le malattie cardiovascolari. e’  aumentata dal 30% a oltre il 45%. Dimezzata invece la percezione della gravita’  delle patologie cardiache: in calo dal 30 al 16% tra quelle che causano maggior mortalita’ , tanto che i giovani ritengono il cancro ben 4 volte piu’  mortale. “Il Covid e la complessa situazione in cui i giovani si sono ritrovati a vivere in questi anni, hanno ridotto la fiducia dei ragazzi verso la prevenzione cardiovascolare e anche la percezione della gravita’  delle malattie cardiache, spingendoli ad abbassare la guardia – rileva Francesco Barilla’ , presidente della Fondazione ‘Il Cuore Siamo Noi’- Tutto cio’  ha comportato un eccesso di cibo compensativo, maggiore sedentarieta’ , aumento del consumo di alcol e fumo”. “Tutti questi comportamenti non fanno che esporre i ragazzi a rischi cardiovascolari molto seri una volta diventati adulti – sottolinea Pasquale Perrone Filardi, presidente della Societa’ italiana di cardiologia -. Ma e’  proprio partendo da corretti stili di vita che si puo’  invertire questo trend”.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...