Lavoro 31 Gennaio 2024 14:32

Sempre più camici bianchi pronti all’esodo, il lavoro in corsia peggiora di anno in anno

L’87% dei medici e dirigenti sanitari intervistati non riesce ad avere una vita privata soddisfacente, il 96,5% è sottoposto a carichi di lavoro eccessivi e il 72% vuole abbandonare il Ssn. L’indagine dell’Anaao Assomed

Sempre più camici bianchi pronti all’esodo, il lavoro in corsia peggiora di anno in anno

L’87% dei medici e dirigenti sanitari coinvolti nel sondaggio Anaao Assomed, realizzato su un campione rappresentativo di camici bianchi, ha dichiarato di non riuscire ad avere una vita personale soddisfacente, affiancato dal 96,5% che reputa di essere sottoposto a un eccessivo carico lavorativo, fino a ben il 72% dei responders che ha pensato di lasciare l’attuale posto di lavoro nel SSN per trasferirsi all’estero, passare alla Medicina Generale o andare a lavorare nel privato.

“Quest’ultimo dato, confermato anche dai numeri pubblicati oggi dall’ISTAT, (Audizione dell’Istituto in Commissione Cultura del Senato per il DDL sull’Accesso a Medicina ndr.) è un indice molto allarmante – spiega Pierino Di Silverio, Segretario Nazionale Anaao Assomed – di molto superiore anche alle percentuali pubblicate di recente dallo studio del McKinsey Health institute svolto in 30 paesi.
Tale indice testimonia come non sia il lavoro medico in generale a non essere più attrattivo, ma come non lo sia più la vita ospedaliera, scandita da guardie e reperibilità in corsia e in sala operatoria. Tale tendenza va di pari passo con i trend osservati nell’assegnazione delle borse specialistiche, che vede il rapido esaurimento dei posti nelle specialità più spendibili fuori dal SSN, come cardiologia, dermatologia, pediatria, oculistica, neurologia, chirurgia plastica, gastroenterologia, endocrinologia, ginecologia, a fronte del calo di appeal che si traduce in mancata assegnazione dei posti che costringono alla “vita ospedaliera” in specialità che offrono, di fatto, meno possibilità e prospettive nel privato”.

Alcune condizioni di lavoro sono migliorate rispetto all’analogo questionario di 9 anni fa. La quota di medici nella fascia dai 31 ai 40 anni è aumentata, grazie alle nuove assunzioni, anche di specialisti, e non solo di specializzandi, conseguenti ai provvedimenti emergenziali assunti per far fronte alla Pandemia. Inoltre, il numero di Colleghi che riferisce di lavorare dopo la notte di guardia, in franca violazione della normativa sui riposi, si è sostanzialmente dimezzato.

Al contrario, passi avanti non sono stati fatti rispetto al numero di chi dichiara di lavorare con surplus orario annuale compreso tra 150 e 250 ore (40%) e al mancato recupero del giorno festivo non usufruito per reperibilità attiva/passiva, situazione lamentata da oltre il 50% dei responders.
Al di là del rispetto delle normative e dell’iniezione di forze nuove favorita dal periodo pandemico, i carichi di lavoro sono rimasti sostanzialmente invariati. Simile rispetto al 2014 è infatti il numero di pazienti visitati in corsia, simile il numero di notti e reperibilità, simile il numero di festivi, numeri impietosi che spiegano ampiamente il perché, di fatto, la percezione del proprio lavoro tra i medici italiani non sia migliorata. Risulta peggiorato il dato di fruizione delle ferie, con oltre il 50% che non riesce a utilizzare i giorni di riposo previsti, e quello delle ore di aggiornamento, utilizzate da una percentuale risibile degli intervistati.

Alcune domande mirano ad indagare nuovi fenomeni che caratterizzano il lavoro medico dopo la Pandemia, e in particolare il lavoro su più presidi conseguente all’accorpamento di Aziende Sanitarie per la riorganizzazione avvenuta in numerose Regioni e l’introduzione delle cooperative di medici e sanitari nel periodo COVID, denunciati rispettivamente dal 26% e dal 20% degli intervistati. Anche questo dato è preoccupante perché tali fenomeni, relativamente recenti, paiono in rapida diffusione.
La gravidanza non è sostituita nell’85% dei reparti degli intervistati. Solo per il 3% è sostituita entro i due mesi e per il 12% dopo oltre due mesi. Questo dato, seppur grave, non è sorprendente, considerato che, in relazione alla carenza di medici, vanno spesso deserti bandi per contratti a tempo indeterminato in tutta Italia, rendendo non disponibili graduatorie utilizzabili.

La quasi totalità dei partecipanti al sondaggio (96,5%) dichiara di essere sottoposto a un eccessivo carico lavorativo, dato in peggioramento rispetto al 91,9% della Survey precedente. Tra questi oltre la metà (il 56%) lamenta un carico decisamente elevato dichiarando di essere vicino al “burn out”. Burn out facilmente comprensibile, considerato che l’attività lavorativa in corsia pare minare bisogni primari, quali “il rapporto con partner/figli”, difficoltà denunciata dal 64,5% dei responders mentre arriva a ’87%, in netto aumento rispetto all’80% del 2014, la percentuale di chi dichiara di non riuscire ad avere una vita personale soddisfacente.

“Il nuovo CCNL – dichiara Di Silverio – potrà contribuire a migliorare alcune situazioni e a rendere più cogente il rispetto delle norme. Ad esempio laddove prevede l’assegnazione della sede di ordinaria attività lavorativa, potendo contribuire alla riduzione del fenomeno del lavoro su più presidi. O ancora dove definisce le tipologie di eccedenza dell’orario contrattuale, la loro remunerazione e possibilità di recupero e infine dove regola il Servizio di Pronta Disponibilità, auspicabilmente riducendone l’abuso”.

Il sondaggio chiude con la richiesta di suggerimenti per migliorare la sanità.
Dal punto di vista economico:

  • Retribuzione differenziata per le varie specializzazioni (in particolare le specializzazioni con attività prevalentemente ospedaliera e turni di guardia festivi e feriali andrebbero maggiormente remunerate)
  • Incremento dei salari con adeguamento alla media europea

Dal punto di vista organizzativo:

  • Ridurre l’eccessiva burocrazia,
  • Adeguare i carichi di lavoro con il rispetto dell’orario di lavoro e l’aumento dell’opportunità di carriera, la sostituzione della maternità e la flessibilità oraria.
  • Aumentare i posti letto ospedalieri

Dal punto di vista strategico:

  • Eliminare la nomina politica dei Direttori Generali
  • Migliorare la collaborazione tra dirigenza e middle management a livello ospedaliero
  • Migliorare i percorsi assistenziali ospedale-territorio con la riorganizzazione dei servizi territoriali.

“Il 2024 si apre per il nostro sindacato – conclude Di Silverio – con un obiettivo preciso e i risultati di questo sondaggio non fanno che confermarne l’urgenza: è necessario migliorare le condizioni di lavoro attraverso un suo diverso valore, anche salariale, sue diverse collocazioni giuridiche e diversi modelli organizzativi per superare una volta per tutte quel disagio medico che è la causa principale del grande scontento attuale. Dobbiamo fermare questa deriva che rischia di travolgere il servizio sanitario pubblico e nazionale costruito in 45 anni di lavoro e sacrifici.
I numeri del nostro sondaggio, ancora una volta, parlano chiaro e ci investono di una grande responsabilità. Continueremo a impegnarci affinché il lavoro dei medici e dei dirigenti sanitari trovi una nuova valorizzazione per rendere ogni giorno esigibili i diritti dei cittadini che si rivolgono alla sanità pubblica.
I risultati della survey saranno inviati al Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, al Governo, ai partiti e alle Regioni perché nelle loro scelte tengano conto dell’urgenza di una politica di visione rispetto alla salvaguardia del Servizio Sanitario pubblico e universale, pena il definitivo sgretolamento di quanto faticosamente nelle corsie italiane si cerca ancora di fare per garantire la piena esigibilità del diritto alla salute dei cittadini italiani”.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...