Lavoro 23 Febbraio 2018

Sciopero infermieri, 80% di adesioni e sale operatorie chiuse in tutta Italia

Lo sciopero degli infermieri, a detta dei sindacati che lo hanno convocato, è riuscito. Antonio De Palma (Presidente Nursing Up: «Non abbiamo firmato la pre-intesa perchè riteniamo che il nuovo contratto sia peggiorativo. Interpelleremo i nostri professionisti attraverso un referendum»

Lo sciopero degli infermieri, a detta dei sindacati che lo hanno convocato, è riuscito. Hanno infatti incrociato le braccia l’80% degli infermieri italiani. A parlare chiaro sono i dati forniti dalle Asl e dai dirigenti sindacali Nursing Up presenti sul territorio che hanno registrato il blocco della maggioranza delle attività sanitarie, fatti salvi i servizi garantiti.

«Noi non abbiamo firmato la pre-intesa perché riteniamo che il nuovo contratto sia peggiorativo – sottolinea Antonio De Palma, Presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up- e non restituisca dignità alla gente che rappresentiamo.  Ci sono ancora da affrontare le problematiche serie e quindi noi, come sindacato, vedremo di sentire cosa ne pensano i nostri professionisti e nei prossimi giorni li interpelleremo attraverso un referendum».

«Dopo tanti anni di sacrifici – prosegue – gli infermieri meritavano una maggiore considerazione, invece ciò che cambia rispetto a prima è solo una sorta di concessioni che ci hanno voluto fare. E tutte le nostre richieste che fine hanno fatto? Le avevamo avanzate da lunga pezza e gli infermieri stamane in piazza Santi Apostoli le hanno gridate a gran voce. Invece sono rimaste lettera morta. Questo è un contratto pre-elettorale che non mette al centro i professionisti sanitari ma solo la volontà di portare a casa un risultato da parte del Governo».

La situazione al momento tra centro, nord e sud Italia risulta in tilt. Ecco una panoramica di quello che sta succedendo:

– Nella Asl Rm 1 sono sospese le sale operatorie ordinarie: significa che su 12 sale ne funzionano due per le urgenze
– Al Policlinico di Milano sono saltate 21 sedute operatorie su 26: le rimanenti sono quelle che garantiscono le urgenze
– Al San Martino di Genova le liste operatorie sono sospese in sei sale su nove
– A Trento dall’Azienda Provinciale Sanitaria fanno sapere che le attività infermieristiche domiciliari saranno garantite al minimo, mentre sono sospese tutte le attività ordinarie
– A Torino, Città della Salute: al Day Hospital l’adesione allo sciopero è del 100% e al Centro Oncologico Ematologico Subalpino sono garantite solo le terapie salvavita
– All’ASST Como 13 sale operatorie scipereranno in massa
– A Mantova presso l’Azienda Carlo Poma di Mantova l’adesione del blocco operatorio è totale e fanno sapere che salteranno anche molti ambulatori
– In Campania, gli interventi in elezione, cioè programmati, sono stati tutti sospesi: al Cardarelli di Napoli il Day Hospital cardiologico è chiuso. All’Istituto Nazionale Tumori di Napoli (IRCCS G. Pascale) sono garantiti solo gli interventi d’urgenza
– All’AORN di Caserta le sale operatorie sono chiuse
– All’ospedale di Andria sono chiusi gli ambulatori e i servizi (con reperibilità) e le sale operatorie, garantite solo per le urgenze. Agende esami e interventi annullati
– L’AORN Moscati di Avellino ha le sale operatorie chiuse
– A Forlì sale operatorie chiuse (solo urgenze)
– A Cesena le sale operatorie di CGU Centro Hub chiuse
– Al CSM di Parma ovest l’ambulatorio di cardiologia è chiuso

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico infermieri, Nursing Up: «Nessun accesso alla tutela delle nostre funzioni. Occasione persa»
«Accogliamo con favore, dopo lunghi anni di gestazione, il nuovo Codice deontologico degli infermieri nell’ambito di un processo di revisione delle norme professionali che viaggia di pari passo con le innovazioni del diritto e dell’evoluzione della professione. Ci riserviamo tuttavia di valutare nel dettaglio il documento, sulla cui bozza a suo tempo abbiamo espresso le […]
Infermieri, arriva il nuovo Codice deontologico. Mangiacavalli (FNOPI): «Uno strumento per esprimere la propria competenza e la propria umanità»
Dopo dieci anni dalla versione del 2009, il Codice si rinnova integrato con tutto ciò che riguarda leggi, regolamenti, situazioni che si sono succedute negli anni e, soprattutto, nuove responsabilità nel passaggio da Collegi a Ordini, ora enti sussidiari dello Stato con la modifica di ruoli, responsabilità e capacità di intervento
Medici, infermieri e psicologi spiegano il biotestamento in un documento: «Opportunità che tutti devono poter cogliere»
“Conoscere la Legge 219/2017” è il frutto di un lavoro lungo due anni, a cui ha partecipato un’equipe multidisciplinare costituita non solo da medici, infermieri e psicologi, rappresentati dai rispettivi Ordini, ma anche sociologi, esperti di bioetica, giornalisti, professori universitari
di Isabella Faggiano
Puglia, Asl Bari e Policlinico pronti ad assumere 300 infermieri
100 unità saranno assunte subito e poi, con l'approvazione del piano di fabbisogno, saranno assunte altre 200 unità
CSS, una infermiera vicepresidente. Di Giulio: «Cittadini e professionisti al centro del mio mandato»
Per la prima volta un infermiere entra nel Consiglio Superiore di Sanità: «Contenta del riconoscimento dato alla professione. Fondamentale attivare canali di comunicazione con chi dirige i servizi delle professioni sanitarie e con chi lavora sia in territorio che in ospedale o nelle strutture residenziali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...