Lavoro 16 Gennaio 2020

Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»

Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo

Immagine articolo

Rappresenta una delle Regioni più piccole d’Italia eppure si sta ritagliando uno spazio sempre più importante in seno alla Conferenza della Regioni. Il governatore molisano Danilo Toma, che ha annunciato al posto dell’assente Bonaccini l’accordo sulle disegnazioni dei membri per il Comitato Lea, per l’Istituto superiore di Sanità e il parere favorevole per il nuovo Dg di Aifa, è convinto che la battaglia per risanare la sanità della sua regioni passi soprattutto per Roma e ai microfoni di Sanità Informazione ha voluto tranquillizzare i cittadini scesi in piazza il 16 dicembre scorso a Roma contro il depauperamento della sanità pubblica molisana e il pericolo di nuovi ulteriori tagli alle strutture regionali. «Con l’approvazione del Patto della Salute grazie al confronto con il Governo adesso costruiremo quella che noi riteniamo debba essere la ‘sanità a misura dei molisani’» spiega Toma.

Il governatore molisano, che insieme agli altri presidenti di Regione si appresta a dare il via ai festeggiamenti per i 50 anni dell’istituzione delle regioni ordinarie, ha già in mente la road map con le azioni da portare avanti per la sanità molisana: «In primis il potenziamento dell’Ospedale di Campobasso con la creazione di un Dea (Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione) di II Livello o di una azienda ospedaliero-universitaria. Poi il rafforzamento del Dea di I livello a Isernia e Termoli, il mantenimento dei punti nascita, in particolare quello di Termoli che è sotto i limiti stabiliti dal Decreto Balduzzi. Abbiamo poi da migliorare il funzionamento degli ospedali di Venafro e Larino che sono ospedali di comunità ma comunque dovranno offrire servizi migliori. Infine la questione Agnone che dovrà essere risolta a mio avviso definendolo una volta per tutte ‘ospedale di area disagiata’ e rafforzandolo con un buon accordo di confine con il vicino Abruzzo. È tutto da costruire, stiamo lavorando».

Per Toma anche la soddisfazione di vincere un ricorso alla Consulta proprio sul tema della sanità contro un provvedimento varato dal Governo Conte I e fortemente voluto dal precedente ministro Giulia Grillo: la Corte Costituzionale ha stabilito che non c’è incompatibilità tra la figura di presidente di Regione e Commissario ad Acta della sanità. «Una soddisfazione perché il Movimento 5 Stelle che all’epoca volle questa modifica dileggiò un po’ il Presidente della Regione Molise dicendo che non c’era un diritto in tal senso ma non è così perché invece è un diritto costituzionale. Ma non è questo che mi interessa. Mi interessa stabilire un principio e individuare chi persegue fini di legalità». La sentenza della Consulta avrà effetti anche in Molise: «Ora i commissariamenti andranno rivisti. Abbiamo sei mesi di tempo per ragionare col Governo e stiamo approntando i tavoli».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
«Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo». Le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA
VIDEO | 30mila dollari per un parto, 2500 per un braccio rotto, fino a 200mila dollari per un ciclo di chemioterapia. Sono alcuni esempi di quanto possa arrivare a costare la sanità negli Stati Uniti. Ma gli italiani si rendono conto della fortuna di avere un sistema sanitario pubblico e universale? Vediamo cosa ci hanno detto…
Medici 118, SNAMI vince ricorso contro USL Toscana Centro. Stop a doppio lavoro territorio-Pronto Soccorso
«Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti», sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...