Lavoro 25 Settembre 2020 16:56

Sanità privata, Aris e Aiop dicono sì al rinnovo del contratto. Sindacati: «Ora firma definitiva»

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: «Vigileremo su applicazione di tutte le previsioni del nuovo Ccnl». Ministro Speranza: «Persone risorsa più importante per Ssn»

Sanità privata, Aris e Aiop dicono sì al rinnovo del contratto. Sindacati: «Ora firma definitiva»

Aris e Aiop dicono sì alla ratifica del rinnovo del contratto Ccnl per gli operatori della sanità privata. «La notizia della ratifica definitiva da parte di Aris ed Aiop del contratto della sanità privata, con il via libera alla sottoscrizione, è una notizia che sicuramente risponde allo sciopero nazionale del 16 settembre scorso. Avevamo già raggiunto l’intesa nel mese di giugno, questi mesi ulteriori nei quali è stato negato ai lavoratori il diritto al contratto rappresentano sicuramente una pagina non bella delle relazioni sindacali», dichiarano i segretari generali della Fp Cgil, Serena Sorrentino, della Cisl Fp, Maurizio Petriccioli, e della Uil Fpl, Michelangelo Librandi.

FP CGIL, CISL FP E UIL FP: «ORA FIRMA DEFINITIVA»

«Registriamo – proseguono in un comunicato – che gli organismi deliberanti delle associazioni datoriali, anche grazie alle ulteriori dichiarazioni di impegno del ministro della salute Roberto Speranza e all’attivazione delle Regioni per accelerare l’iter di approvazione delle delibere sulle risorse, sono arrivati alla positiva conclusione di questa vertenza lunga, inedita, complessa, nella quale le lavoratrici e i lavoratori della sanità privata hanno dato una straordinaria prova di dignità».

«Le ragioni che hanno determinato lo stallo della ratifica risiedono nell’atteggiamento di una parte del sistema di imprese che guarda al profitto più che al valore del lavoro delle persone e dei servizi di cura», dichiarano i segretari generali. E proseguono: «Rinnoviamo quindi alle Istituzioni la richiesta di avviare a breve il confronto sulla revisione dei meccanismi di accreditamento».

«Ora, fuori tempo massimo, aspettiamo la convocazione per la firma sul testo definitivo. Vigileremo sulla corretta applicazione di tutte le previsioni del nuovo Ccnl, azienda per azienda. Troppi furbetti hanno remato contro sia alla firma di un contratto che arriva dopo 14 anni sia contro l’idea della parificazione di trattamento tra lavoratori della sanità pubblica e quelli che operano in strutture accreditate. Per il sindacato è un giorno importante, ancor di più per le lavoratrici e lavoratori che sanno che Cgil, Cisl e Uil sono sempre stati al loro fianco e continueranno ad esserci», concludono i segretari di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

SPERANZA: «FINALMENTE, LAVORATORI ASPETTANO DA 14 ANNI»

«Sono davvero soddisfatto», si è espresso anche il ministro della Salute Roberto Speranza sulla decisione. «Finalmente – scrive su Facebook – si è sbloccato il nuovo contratto della sanità privata. Oltre 100.000 lavoratori della salute aspettano questo momento da 14 anni. Più diritti, più tutele e più garanzie per tutti. Con il voto dell’assemblea di Aiop, a cui ho partecipato stamattina, e con l’ok e di Aris si chiude una vertenza fin troppo lunga e si apre una nuova stagione di investimenti. Nel Servizio Sanitario Nazionale le persone sono sempre la risorsa più importante».

BEBBER (ARIS): «ORA RESPONSABILITÀ ANCHE DA PARTE DI ISTITUZIONI PUBBLICHE»

«La ratifica – scrive Aris in una nota, nelle parole del presidente Virginio Bebber – è il segnale di un grande senso di responsabilità da parte nostra, visto che gran parte delle Regioni non hanno ancora garantito la dovuta copertura, come stabilito da accordi sottoscritti con le autorità ministeriali. L’Aris auspica che anche quelle regioni che ancora non l’hanno fatto, vadano al più presto incontro a quelle che sono le reali necessità di lavoratori, strutture e persone ammalate anche in considerazione della gravità della situazione che si affaccia all’orizzonte a causa della ripresa dei contagi da Covid-19». Aris si dice «certa che le istituzioni pubbliche sentiranno ora l’obbligo di assicurare le stesse coperture al rinnovo di contratti non ancora conclusi».

«Spero che – conclude Bebber – al nostro gesto di responsabilità, anche a costo di grandi sacrifici soprattutto per quelle strutture che sono state messe in ginocchio dal dramma del Covid-19, corrisponda altrettanto senso di responsabilità da parte di chi ancora non ha dato seguito a quanto pubblicamente concordato».

ALTRE REAZIONI

«È un momento storico nella lotta per i diritti dei lavoratori di questo comparto» ha dichiarato il Segretario Nazionale della UGL Sanità, Gianluca Giuliano. «Ora- prosegue il sindacalista- bisognerà procedere in tempi strettissimi con la convocazione per una firma attesa da 14 lunghissimi anni».

Reazioni positive anche dal mondo della politica. «È un dato di fatto che lo tsunami Coronavirus che ha investito le nostre vite imponga a tutti un cambio di paradigma per disegnare un nuovo modello di crescita sostenibile anche dal punto di vista sociale oltreché ambientale. Per questo il rinnovo del Contratto Nazionale nel settore Sanità Privata è un bel segnale di un futuro possibile dove alla base della crescita ci sia il dialogo fra aziende e rappresentanti dei lavoratori» ha detto così Debora Serracchiani, Presidente della Commissione Lavoro della Camera, commenta l’intesa per il rinnovo del contratto nella Sanità Privata.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «Incremento Fondo sanitario fondamentale, prioritario intervenire su liste di attesa»
«L’incremento del Fondo sanitario nazionale, annunciato dal ministro della Salute Roberto Speranza, è una notizia importante, che apre nuove prospettive in un settore fino ad oggi interessato solo da tagli e chiusure». Lo afferma Barbara Cittadini, presidente di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, commentando le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha annunciato […]
Sanità, Filippi (Fp Cgil Medici): «Cambiare organizzazione lavoro del Servizio socio sanitario»
Per il segretario nazionale «la prospettiva organizzativa che dobbiamo intercettare è che nella riorganizzazione del lavoro tutti i professionisti abbiano un solo datore di lavoro e possibilmente lo stesso tipo di rapporto contrattuale»
Sanità, Cittadini (Aiop): «Destinare più risorse alla sanità e investire nella prevenzione»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «la valorizzazione della qualità e dei servizi offerti dal Servizio Sanitario Nazionale deve coinvolgere attivamente tanto la componente di diritto pubblico quanto quella di diritto privato»
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»
Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?