Lavoro 16 Novembre 2017

Rinnovo contratto, Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Prospettive tutt’altro che rosee. Serve nuova programmazione della sanità»

Il Segretario Generale del sindacato lombardo commenta ai nostri microfoni il dibattito sul contratto e le principali problematiche in sanità. Sulle elezioni per il Consiglio Direttivo dell’OMCeO Milano: «Fondamentale tutelare l’indipendenza dell’Ordine»

«Rinnovo contratto? La parte economica è importante ma i medici vogliono lavorare in tranquillità e sicurezza e programmare la sanità del futuro». Danilo Mazzacane, Segretario Generale di Cisl Medici Lombardia, ai microfoni di Sanità Informazione interviene sui principali temi di attualità che riguardano il settore sanitario, commentando non solo le prospettive di un rinnovo contrattuale particolarmente tortuoso, ma anche i risvolti della Legge Gelli e l’importante appuntamento elettorale per i medici di Milano e Provincia, chiamati alle urne per scegliere i nuovi componenti del Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Medici. Il week end che va dal 18 al 20 novembre si preannuncia dunque una tappa decisiva per la sanità del capoluogo lombardo.

Segretario, a pochi giorni dall’incontro Aran-sindacati in cui si discuterà dell’impianto del nuovo contratto del comparto sanità, quali sono le prospettive della trattativa?

«Da quanto si apprende dalla stampa, le prospettive non sono delle più rosee. I medici rivendicano sicuramente una situazione economica più adeguata alla loro professione, al loro ruolo e all’impegno che profondono quotidianamente. Sicuramente la parte economica, dunque, ha un aspetto importante. Però i medici desiderano avere la possibilità di lavorare con serenità e in sicurezza: bisogna guardare bene anche ad altre tematiche non meno importanti, quali il ricambio generazionale, la necessità di immettere linfa nuova nelle fila di tutte le strutture sanitarie pubbliche e ragionare per programmare il futuro della sanità italiana. Quindi al centro dovrebbero esserci non solo le questioni economiche, ma anche la parte normativa ricopre un ruolo importante».

In questi mesi si vota per il rinnovo degli OMCeO in tutta Italia, compresa la sua Milano. Qual è la situazione? È vero, come si legge sulla stampa, che si sono verificate delle pressioni esterne?

«Si sono verificate delle situazioni non piacevoli, non soltanto a Milano ma anche in altre parti d’Italia. Sembrerebbe che i poteri forti desiderino prendere possesso degli Ordini dei medici, mentre ovviamente l’Ordine dei medici deve rimanere indipendente. Come tutti gli Ordini professionali, del resto. In ogni caso io non ho grandi preoccupazioni, perché i medici sono professionisti coscienti dell’importanza della loro libertà intellettuale e delle libertà di azione che necessitano per ben operare, rispettando le indicazioni etiche e deontologiche che competono, in prima istanza, proprio all’Ordine dei medici e, come organo superiore, alla Federazione Nazionale Ordine dei medici».

Da pochi mesi è entrata in vigore la Legge Gelli che introduce importanti novità in tema di responsabilità professionale. Qual è la sua opinione in merito?

«Sicuramente la Legge Gelli è stata un passo importante che ovviamente necessita ancora di essere rodata. Sono noti solo alcuni decreti attuativi, altri dovrebbero uscire nelle prossime settimane. In ogni caso, come tutte le cose nuove, necessiterà di aggiustamenti in corso».

E in questo scenario, quanto è importante per un medico poter disporre di una tutela legale che lo protegga a tutto tondo?

«Il ruolo del medico è diventato molto più delicato, lo abbiamo visto benissimo negli ultimi anni. Avere la sicurezza di poter contare sulla tutela legale è quindi sicuramente motivo di tranquillità per il medico nel corso del suo operato. D’altro canto anche la tematica contrattuale e sindacale ormai spesso e volentieri necessita di avvalersi di una consulenza di tipo legale. E non è detto che la consulenza di tipo legale debba essere vista come una situazione drammatica, anzi: spesso e volentieri è necessaria per interpretare correttamente i contenuti, ad esempio, dei contenziosi oppure delle normative di tipo contrattuale. Una buona collaborazione tra due professioni come quella del medico e quella dell’avvocato secondo me non è per nulla disdicevole; anzi, è da promuovere».

Articoli correlati
Cisl Medici Lombardia, Mazzacane: «Condiviso con ASST percorso per valorizzare specialistica territoriale»
«La Cisl Medici Lombardia ha condiviso ieri con la Direzione Generale della ASST Nord Milano il percorso da compiere presso i poliambulatori territoriali milanesi, nel pieno rispetto delle opportune misure di sicurezza per programmare la fase 2, volta a fronteggiare l’emergenza indotta da COVID-19. Tutto ciò nel rispetto delle recenti delibere emanate da Regione Lombardia […]
La Cisl Medici Lombardia offre soccorso per la fase 2 a Regione Lombardia
La Cisl Medici Lombardia, con il contributo della  Medicina Specialistica Territoriale, offre un soccorso propositivo alla fase 2 dell’emergenza Covid-19 alla Regione Lombardia. «La Medicina territoriale – è balzata all’attenzione generale nel recente per il suo ruolo, volto a fronteggiare l’emergenza Covid-19. Sarebbe stata determinante nella fase di esordio, poiché poteva contribuire a contenere il […]
Emergenza Covid-19, ma chi pensa alle altre malattie? A Pavia gli specialisti ambulatoriali fanno diagnosi in teleconsulto
Il progetto intende supportare il lavoro dei medici di famiglia alle prese con pazienti che necessitano di visite specialistiche. L'intervista al segretario di Cisl Medici Lombardia Danilo Mazzacane
di Federica Bosco
Coronavirus, operatori sanitari a rischio contagio. Cisl Medici Lombardia: «Ecco le precauzioni da adottare»
Le cronache di queste ore suggeriscono che gli operatori sanitari rappresentano un gruppo ad alto rischio di contrarre l’infezione da coronavirus. La Cisl Medici Lombardia ha quindi stilato una serie di indicazioni da seguire per limitare il rischio di essere contagiati dai pazienti. «Prima e dopo ogni contatto ravvicinato con tutti i pazienti, in tutti […]
Violenza negli ospedali: l’OMCeO Milano lancia un grido d’allarme. Rossi: «Emergenza autentica»
Al dibattito sul pericoloso fenomeno, in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino a Milano, parteciperà la Federazione dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l'ex Prefetto Francesco Paolo Tronca che dichiara: «I medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco