Lavoro 7 marzo 2017

Responsabilità professionale, Tortorella (Consulcesi Group): «Bene approvazione, ora attenzione a decreti attuativi»

Il Presidente della realtà di riferimento della tutela dei camici bianchi ai nostri microfoni spiega: «Aspettavamo questa riforma da oltre 20 anni, ma ora bisogna aspettare ancora un po’ di tempo per vedere come verrà applicata». Tra le novità, maggiore attenzione all’aggiornamento professionale medico: «La formazione è fondamentale, anche il mondo assicurativo lo sa e sta adeguando le modalità di sottoscrizione delle polizze»

«Bene la legge sulla responsabilità professionale in sanità, una riforma che aspettavamo da oltre 20 anni, ma ora massima attenzione ai decreti attuativi». Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Group – punto di riferimento del mondo medico sul fronte della responsabilità professionale dei medici – è già oltre l’approvazione del Ddl Gelli e guarda a come questa legge verrà applicata: «Dobbiamo aspettare ancora qualche mese per sapere nello specifico come cambierà la vita di operatori e cittadini, ma saremo felici di farlo se questo comporterà un miglioramento generale del sistema». Con questa riforma, ribadisce ancora Tortorella dagli studi Rai (dove ha partecipato, insieme all’Onorevole Gelli, alla puntata di UnoMattina dedicata proprio alla riforma), «cambia praticamente tutto». In particolare, viene data una attenzione ancora maggiore all’aggiornamento professionale medico: «La formazione è fondamentale, anche il mondo assicurativo lo sa e sta adeguando le modalità di sottoscrizione delle polizze».

Presidente Tortorella, il gruppo Consulcesi si occupa da sempre di tutelare i camici bianchi, sia dal punto di vista legale che da quello della. Come cambia questa legge questo settore?

«L’approvazione della riforma Gelli sulla responsabilità professionale è un momento fondamentale: è una legge che aspettavamo da oltre 20 anni. Cambierà fondamentalmente tutto nel mondo della responsabilità professionale in sanità. Sarà data certezza sia del reato e sia del diritto, per questo è un momento importante. Ci sono però da mettere nero su bianco anche i decreti attuativi: sappiamo ovviamente che le leggi sono importanti, ma quel che le rendono vere sono i decreti attuativi, che spesso e volentieri modificano le leggi stesse. I decreti attuativi saranno dunque fondamentali per l’applicazione della legge. Certo, ci vorrà ancora un po’ di attesa, ma dopo tutti questi anni di attesa, qualche settimana o qualche mese in più non ci spaventano. Siamo felici che questi cambiamenti, una volta applicati, porteranno così tanti benefici nella tutela del mondo sanitario, che in qualche modo rappresentiamo».

L’Onorevole Gelli ha sottolineato che in questa legge viene messo mano a tutto il comparto e introdotto in modo strutturale il risk management e altre modifiche all’intero settore della responsabilità. Tutto ciò richiederà ai professionisti sanitari anche un adeguamento del loro aggiornamento professionale, che sappiamo a volte trascurano un pochino.

«Crediamo che questa legge e i conseguenti decreti attuativi terranno conto anche di questi aspetti. La formazione è fondamentale, soprattutto nella responsabilità professionale medica. Il mondo assicurativo se ne sta rendendo conto, tant’è vero che in molte polizze si sta decidendo di abbassare il premio ma anche addirittura di rendere valida la polizza stessa nel momento in cui si dimostri che il medico ha correttamente svolto la formazione. La formazione sta inoltre diventando un punto di svolta importante anche nei processi, sia civili che penali. Dimostrare di essere correttamente formati aiuterà sicuramente a fare in modo che le polizze paghino, ma soprattutto permetteranno anche ai medici di potersi difendere in modo corretto».

Articoli correlati
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila