Lavoro 18 Aprile 2019

Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»

La Presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche sottolinea il cambiamento “culturale” portato dalla legge 24 del 2017. Poi spiega quanto fatto sul tema: «Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il Csm per l’attività consulenziale e peritale e lavorato con le nostre società scientifiche per entrare nell’elenco del Ministero»

Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»

Il tema della responsabilità professionale tocca da vicino tutte le professioni sanitarie. Non sfuggono gli infermieri che, lavorando in equipe con i medici, sono spesso coinvolti in contenziosi. Abbiamo fatto il punto sull’argomento con la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli che, in occasione del convegno “Sicurezza delle cure e responsabilità degli operatori” organizzato dal padre della legge 24 del 2017 Federico Gelli con la Fondazione Italia in Salute, ha sottolineato l’importanza della legge approvata nella scorsa legislatura e tutte le iniziative messe in campo dalla FNOPI per attuare le norme: dal protocollo d’intesa con il Consiglio superiore della magistratura per l’attività consulenziale e peritale al lavoro svolto dalle società scientifiche per entrare nell’elenco delle società abilitate a predisporre le “linee guida”. «Il trema della cultura sulla responsabilità è sicuramente il tema fondamentale anche su questa legge», ha sottolineato Mangiacavalli a Sanità Informazione.

Presidente Mangiacavalli, siamo a due anni dalla legge Gelli, una legge importante per tutto l’ambito sanitario. Dopo due anni si può iniziare a tracciare un bilancio. Gli infermieri che bilancio fanno di questa legge?

«Un bilancio assolutamente positivo. Devo dire che grazie a questa legge, che tra l’altro è una fonte primaria dello Stato, si è creata una svolta importante all’interno del Sistema sanitario della responsabilità degli esercenti le professioni sanitarie ma si è creata una svolta importante soprattutto riguardo alla sicurezza nei confronti dei cittadini che tra l’altro è anche un motivo importante e sostanziale di questa legge. Noi infermieri con la Federazione degli ordini e insieme a tutti gli ordini provinciali e alle nostre società scientifiche abbiamo lavorato molto in questi due anni proprio grazie agli spunti contenuti negli articoli della legge 24 e abbiamo messo a punto da un lato il protocollo d’intesa con il Consiglio superiore della magistratura per l’attività consulenziale e peritale, dall’altro abbiamo lavorato con le nostre società scientifiche affinché potessero possedere quei requisiti indispensabili per entrare nell’elenco. Infatti molte nostre società, più di 20, sono entrate nell’elenco del Ministro della Salute. Con loro stiamo continuando a lavorare attraverso una Consulta e attraverso una collaborazione con la società dei nostri professori universitari per fare in modo che possano mantenere e costruire in maniera ancora più strutturale i requisiti che da qua a due anni saranno elemento valutativo importante per il mantenimento in questo elenco».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO DELLA SALUTE»

Il tema è molto sentito anche dagli infermieri. Registrate molti casi di accuse ingiuste o di assoluzioni dopo le richieste di risarcimento?

«Gli infermieri, lavorando in equipe con tutte le altre professioni sanitarie, soprattutto con i medici, hanno un po’ questo problema comune. Come sempre i tentativi sono molti, i casi concreti si riducono in maniera significativa. È evidente però che i professionisti sanitari entrano in un circuito che è quello di doversi difendere con delle consulenze. Anche da questo punto di vista la legge 24 dava le indicazioni di una assicurazione obbligatoria, noi abbiamo proceduto anche in questo senso e a gennaio è partita una polizza su una gara fatta dalla Federazione ad adesione facoltativa anche per dare ai nostri colleghi infermieri la possibilità di sentirsi tranquilli nel loro esercizio professionale e proprio con loro stiamo lavorando sugli aspetti culturali e scientifici. Il trema della cultura sulla responsabilità è sicuramente il tema fondamentale di questa legge».

Articoli correlati
Ocse: «Infermieri vitali, specie quest’anno», ma l’Italia è sotto la media
La denuncia di Fnopi: nel nostro Paese 5,7 infermieri per 1000 abitanti, sotto la media europea
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Ferie negate, turni massacranti e rischi professionali. Avv. Croce (C&P): «Con emergenza ci si sta allontanando sempre di più dalla legalità»
«Tra i rischi per il personale anche quello di essere coinvolti in azioni collettive di responsabilità contro le strutture sanitarie. Il consiglio è di formalizzare il dissenso con richiamo alle norme di legge applicabili e poi “andare al fronte”»
#NoiConGliInfermieri: Fnopi proroga il fondo di solidarietà
Erogato già oltre 1 milione di euro ai professionisti colpiti da Covid-19. Prorogato il fondo fino a giugno 2021 e ampliata la platea dei beneficiari
Elezioni Ordini delle professioni sanitarie: tra sospensioni e proroghe, regna il caos. Le reazioni delle Federazioni
Ordini di medici, infermieri, ostetriche, veterinari e tecnici sanitari stanno affrontando in modo diverso la raccomandazione arrivata dal Ministero della Salute di sospendere i procedimenti elettorali o di garantirli per via telematica. Ecco cosa sta succedendo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli