Lavoro 29 Aprile 2019

Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, – spiega Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche – con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

«Con quota 100 arriveremmo a una carenza generale di personale infermieristico all’interno del Servizio sanitario nazionale di circa 76mila unità». A lanciare l’allarme Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI).

Una carenza, quella del personale infermieristico, che potrebbe esplodere nei prossimi mesi e colpire in misura maggiore i servizi sul territorio. «L’incidenza di queste carenze sarà soprattutto relativa alle regioni in piano di rientro – spiega Aceti – dove i livelli essenziali di assistenza sono già carenti e quindi andrebbe ad acuire un problema di tenuta dei servizi nei confronti delle comunità. I servizi sanitari che saranno maggiormente colpiti da questa carenza sono proprio i servizi sanitari territoriali perché il personale infermieristico più avanti con l’età è quello che nelle Aziende sanitarie locali viene spostato nella fase finale della propria carriera sui servizi territoriali. Quindi saranno l’assistenza domiciliare integrata e tutto quello che ruota attorno all’assistenza sanitaria territoriale ad essere le più penalizzate e questo avrà una ripercussione diretta su malati cronici, non autosufficienze, disabilità e così via. Si tratta di un combinato disposto di effetti che vanno a colpire le popolazioni più fragili. Proprio per questo noi abbiamo lanciato un appello chiedendo al governo di mettere mano immediatamente ora a delle misure che possano compensare questa emorragia di infermieri a seguito di quota 100».

LEGGI: CARENZA MEDICI, LA TOSCANA APRE AI NEOLAUREATI NEI PRONTO SOCCORSO. SCOPPIA LA POLEMICA

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale. – continua il portavoce FNOPI – È un problema che viene da lontano, è un problema che si sta acuendo con questa normativa. Ovviamente il diritto al pensionamento è sacrosanto, ma c’è anche un diritto delle comunità ad avere nello stesso tempo servizi migliori attraverso un investimento contemporaneo alla fuoriuscita degli infermieri. Quindi dobbiamo investire ora, perché se escono gli infermieri dal Servizio sanitario nazionale noi abbiamo bisogno ora di innesti di personale che vadano a coprire.

«L’idea è quella di investire molto di più sul personale infermieristico, – conclude Tonino Aceti – perché oggi è quel tipo di personale che potrà effettivamente garantire la sostenibilità del servizio sanitario nazionale per i prossimi 40 anni e che potrà sostenere innanzitutto la salute dei cittadini in ogni parte del Paese perché un altro valore aggiunto del personale infermieristico è quello di ridurre le diseguaglianze del nostro paese. Nelle aree più disagiate, più interne del nostro Paese, laddove non ci sono servizi, l’infermieri può arrivare e può portare lì nelle case delle persone il Servizio sanitario pubblico».

Articoli correlati
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
Ambulatorio infermieristico per la gestione delle cronicità, l’esperimento dell’Asl di Bari
«Rafforzata l’attenzione sul territorio» ha spiegato Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari ai microfoni di Sanità Informazione. Protagonisti infermieri e medici di medicina generale: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio»
Sanitari sempre più poveri: perso il 6,33% di potere d’acquisto. Tecnici e infermieri tra i più colpiti
I dati, diffusi dalla FNOPI, evidenziano anche la carenza di organici e le condizioni di lavoro degli infermieri: aumenta del 25-26% il rischio di mortalità causato da eccesso di pazienti e svolgimento di attività non infermieristiche, burocrazia in primis
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano