Lavoro 29 Aprile 2019 13:32

Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, – spiega Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche – con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»

«Con quota 100 arriveremmo a una carenza generale di personale infermieristico all’interno del Servizio sanitario nazionale di circa 76mila unità». A lanciare l’allarme Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI).

Una carenza, quella del personale infermieristico, che potrebbe esplodere nei prossimi mesi e colpire in misura maggiore i servizi sul territorio. «L’incidenza di queste carenze sarà soprattutto relativa alle regioni in piano di rientro – spiega Aceti – dove i livelli essenziali di assistenza sono già carenti e quindi andrebbe ad acuire un problema di tenuta dei servizi nei confronti delle comunità. I servizi sanitari che saranno maggiormente colpiti da questa carenza sono proprio i servizi sanitari territoriali perché il personale infermieristico più avanti con l’età è quello che nelle Aziende sanitarie locali viene spostato nella fase finale della propria carriera sui servizi territoriali. Quindi saranno l’assistenza domiciliare integrata e tutto quello che ruota attorno all’assistenza sanitaria territoriale ad essere le più penalizzate e questo avrà una ripercussione diretta su malati cronici, non autosufficienze, disabilità e così via. Si tratta di un combinato disposto di effetti che vanno a colpire le popolazioni più fragili. Proprio per questo noi abbiamo lanciato un appello chiedendo al governo di mettere mano immediatamente ora a delle misure che possano compensare questa emorragia di infermieri a seguito di quota 100».

LEGGI: CARENZA MEDICI, LA TOSCANA APRE AI NEOLAUREATI NEI PRONTO SOCCORSO. SCOPPIA LA POLEMICA

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale. – continua il portavoce FNOPI – È un problema che viene da lontano, è un problema che si sta acuendo con questa normativa. Ovviamente il diritto al pensionamento è sacrosanto, ma c’è anche un diritto delle comunità ad avere nello stesso tempo servizi migliori attraverso un investimento contemporaneo alla fuoriuscita degli infermieri. Quindi dobbiamo investire ora, perché se escono gli infermieri dal Servizio sanitario nazionale noi abbiamo bisogno ora di innesti di personale che vadano a coprire.

«L’idea è quella di investire molto di più sul personale infermieristico, – conclude Tonino Aceti – perché oggi è quel tipo di personale che potrà effettivamente garantire la sostenibilità del servizio sanitario nazionale per i prossimi 40 anni e che potrà sostenere innanzitutto la salute dei cittadini in ogni parte del Paese perché un altro valore aggiunto del personale infermieristico è quello di ridurre le diseguaglianze del nostro paese. Nelle aree più disagiate, più interne del nostro Paese, laddove non ci sono servizi, l’infermieri può arrivare e può portare lì nelle case delle persone il Servizio sanitario pubblico».

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
Fnopi: «Contro la carenza di infermieri servono le specializzazioni»
Fnopi: «Non è con la quantità delle lauree che si risolve la carenza di infermieri, ma con la qualità dei professionisti»
Zampa (Pd) raccoglie l’appello della FNOPI: «Subito un patto del lavoro sanitario e sociosanitario per far fronte alla carenza»
Tra le altre proposte del Pd anche lo sviluppo delle specializzazioni e delle implementazioni di competenze, già previste dal contratto, ad iniziare dall’infermiere di famiglia, e la riforma della formazione universitaria
In Italia mancano 70mila infermieri, le richieste di Fnopi
Un documento redatto e diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche presenta i numeri delle carenze di infermieri in Italia. Si sottolineano i sacrifici fatti in pandemia e si elencano una serie di richieste alla politica
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi