Lavoro 29 Aprile 2019

Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, – spiega Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche – con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

«Con quota 100 arriveremmo a una carenza generale di personale infermieristico all’interno del Servizio sanitario nazionale di circa 76mila unità». A lanciare l’allarme Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI).

Una carenza, quella del personale infermieristico, che potrebbe esplodere nei prossimi mesi e colpire in misura maggiore i servizi sul territorio. «L’incidenza di queste carenze sarà soprattutto relativa alle regioni in piano di rientro – spiega Aceti – dove i livelli essenziali di assistenza sono già carenti e quindi andrebbe ad acuire un problema di tenuta dei servizi nei confronti delle comunità. I servizi sanitari che saranno maggiormente colpiti da questa carenza sono proprio i servizi sanitari territoriali perché il personale infermieristico più avanti con l’età è quello che nelle Aziende sanitarie locali viene spostato nella fase finale della propria carriera sui servizi territoriali. Quindi saranno l’assistenza domiciliare integrata e tutto quello che ruota attorno all’assistenza sanitaria territoriale ad essere le più penalizzate e questo avrà una ripercussione diretta su malati cronici, non autosufficienze, disabilità e così via. Si tratta di un combinato disposto di effetti che vanno a colpire le popolazioni più fragili. Proprio per questo noi abbiamo lanciato un appello chiedendo al governo di mettere mano immediatamente ora a delle misure che possano compensare questa emorragia di infermieri a seguito di quota 100».

LEGGI: CARENZA MEDICI, LA TOSCANA APRE AI NEOLAUREATI NEI PRONTO SOCCORSO. SCOPPIA LA POLEMICA

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale. – continua il portavoce FNOPI – È un problema che viene da lontano, è un problema che si sta acuendo con questa normativa. Ovviamente il diritto al pensionamento è sacrosanto, ma c’è anche un diritto delle comunità ad avere nello stesso tempo servizi migliori attraverso un investimento contemporaneo alla fuoriuscita degli infermieri. Quindi dobbiamo investire ora, perché se escono gli infermieri dal Servizio sanitario nazionale noi abbiamo bisogno ora di innesti di personale che vadano a coprire.

«L’idea è quella di investire molto di più sul personale infermieristico, – conclude Tonino Aceti – perché oggi è quel tipo di personale che potrà effettivamente garantire la sostenibilità del servizio sanitario nazionale per i prossimi 40 anni e che potrà sostenere innanzitutto la salute dei cittadini in ogni parte del Paese perché un altro valore aggiunto del personale infermieristico è quello di ridurre le diseguaglianze del nostro paese. Nelle aree più disagiate, più interne del nostro Paese, laddove non ci sono servizi, l’infermieri può arrivare e può portare lì nelle case delle persone il Servizio sanitario pubblico».

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»
Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]
Formazione, Mangiacavalli (Fnopi): «Sistema ECM importante ma va aggiornato dopo 20 anni»
«È la competenza che qualifica la relazione con l’assistito e il contributo del professionista all’interno del sistema sanitario», sottolinea la presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche. «Quello che deve essere offerto adesso al cittadino nel nostro sistema salute è un percorso di presa in carico articolato, composito e che tiene conto dell’apporto e del contributo di tutti», aggiunge Mangiacavalli
Patto per la Salute, Aceti (Fnopi): «Bene Grillo, basta tagli alla Sanità. Infermieri in prima linea»
«Abbiamo apprezzato anche l'aspetto di aver aperto un confronto con tutti gli stakeholder», spiega ai microfoni di Sanità Informazione il portavoce della Federazione degli Ordini degli Infermieri, Tonino Aceti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...