Lavoro 29 Aprile 2019

Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, – spiega Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche – con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

«Con quota 100 arriveremmo a una carenza generale di personale infermieristico all’interno del Servizio sanitario nazionale di circa 76mila unità». A lanciare l’allarme Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI).

Una carenza, quella del personale infermieristico, che potrebbe esplodere nei prossimi mesi e colpire in misura maggiore i servizi sul territorio. «L’incidenza di queste carenze sarà soprattutto relativa alle regioni in piano di rientro – spiega Aceti – dove i livelli essenziali di assistenza sono già carenti e quindi andrebbe ad acuire un problema di tenuta dei servizi nei confronti delle comunità. I servizi sanitari che saranno maggiormente colpiti da questa carenza sono proprio i servizi sanitari territoriali perché il personale infermieristico più avanti con l’età è quello che nelle Aziende sanitarie locali viene spostato nella fase finale della propria carriera sui servizi territoriali. Quindi saranno l’assistenza domiciliare integrata e tutto quello che ruota attorno all’assistenza sanitaria territoriale ad essere le più penalizzate e questo avrà una ripercussione diretta su malati cronici, non autosufficienze, disabilità e così via. Si tratta di un combinato disposto di effetti che vanno a colpire le popolazioni più fragili. Proprio per questo noi abbiamo lanciato un appello chiedendo al governo di mettere mano immediatamente ora a delle misure che possano compensare questa emorragia di infermieri a seguito di quota 100».

LEGGI: CARENZA MEDICI, LA TOSCANA APRE AI NEOLAUREATI NEI PRONTO SOCCORSO. SCOPPIA LA POLEMICA

«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale. – continua il portavoce FNOPI – È un problema che viene da lontano, è un problema che si sta acuendo con questa normativa. Ovviamente il diritto al pensionamento è sacrosanto, ma c’è anche un diritto delle comunità ad avere nello stesso tempo servizi migliori attraverso un investimento contemporaneo alla fuoriuscita degli infermieri. Quindi dobbiamo investire ora, perché se escono gli infermieri dal Servizio sanitario nazionale noi abbiamo bisogno ora di innesti di personale che vadano a coprire.

«L’idea è quella di investire molto di più sul personale infermieristico, – conclude Tonino Aceti – perché oggi è quel tipo di personale che potrà effettivamente garantire la sostenibilità del servizio sanitario nazionale per i prossimi 40 anni e che potrà sostenere innanzitutto la salute dei cittadini in ogni parte del Paese perché un altro valore aggiunto del personale infermieristico è quello di ridurre le diseguaglianze del nostro paese. Nelle aree più disagiate, più interne del nostro Paese, laddove non ci sono servizi, l’infermieri può arrivare e può portare lì nelle case delle persone il Servizio sanitario pubblico».

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Piano liste di attesa, quattro regioni ancora inadempienti. Aceti (FNOPI): «Governo sia garante e controlli Piani regionali»
Sono 4 le Regioni che non hanno ancora adottato un proprio Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa: Provincia di Bolzano, Friuli-Venezia Giulia, Basilicata, Sardegna. Altre 5 lo hanno adottato solo tra giugno e luglio. Il portavoce FNOPI: «È necessario spiegare a livello nazionale, regionale e locale i contenuti e le novità che discendono da questa innovazione»
Fine vita, infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti. Mangiacavalli: «Nel Codice anche la clausola di coscienza»
La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri mette a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso
Intramoenia professioni sanitarie, Sileri (Commissione Sanità) presenta Ddl. Il plauso di FNOPI e Nursing Up
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Non sia strumento per sopperire alle carenze di organici». Il presidente Nursing Up Antonio De Palma: «Ddl segna momento storico»
Piano nazionale cronicità, Fnopi: «Manca in 5 Regioni, ancora troppe differenze territoriali»
«Le malattie croniche nel 2020 si stima che rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Impegnano il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale. In Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa sanitaria annua valutabile in 700 miliardi di euro; 24 milioni le persone che in Italia nel 2017 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone