Lavoro 14 Ottobre 2020

Performance regionali, rapporto Crea Sanità: sul podio Trento, Bolzano ed Emilia Romagna. Calabria ultima

Il rapporto Crea Sanità sulle performance regionali 2020 vede tre regioni del nord ai primi posti. Il sud Italia basso in classifica, con la Calabria al peggiore risultato

Immagine articolo

Sono tre le regioni italiane che offrono ai propri cittadini opportunità di tutela della propria salute migliori delle altre. Le province autonome di Trento e Bolzano, e l’Emilia Romagna. A certificarlo è l’ottava edizione del rapporto “Performance regionali”, redatto da C.R.E.A Sanità e presentato oggi in live streaming.

Anche lo scorso anno il primo posto era stato di Trento, mentre al secondo figurava la Toscana ora al quarto posto. Grande stacco quello dell’Emilia Romagna, che in un anno è arrivata sul podio dalla posizione sei. Per contro, all’ultimo posto si trova la Calabria, preceduta dalla Campania. Mentre la Sardegna, ultima nel 2019, quest’anno arriva a metà classifica.

GLI ELEMENTI DELLA VALUTAZIONE

La classifica viene stilata grazie alle valutazioni di un gruppo di 93 tra esperti e stakeholder del sistema sanitario e poi elaborata con la metodologia Crea Sanità. Tra gli stakeholder, industria medicale, management aziendale, professioni sanitarie, istituzioni e utenti. I criteri sono raccolti in un’unica visione multidimensionale della sanità, che comprende una sfera sociale, una sugli esiti, una di appropriatezza, e poi innovazione e dimensione economico-finanziaria.

Il punteggio registrato sul podio vede le performance tra il 61 e il 71%, quindi non ancora vicine al massimo. Le 10 regioni con performance considerate elevate mostrano punteggi compresi tra 53 e 58%. In ordine Toscana, Veneto, Marche, Umbria, Liguria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Sardegna e Piemonte. Abruzzo, Lazio, Molise, Basilicata, Puglia, Sicilia e Campania vanno tra 52 e 46%, seguite dalla Calabria, ultima con un livello del 33%.

Si nota come la dimensione economico-finanziaria ora contribuisca per il 40,9% alla performance, seguita dal sociale (19,9%) e dagli esiti (19,7%). Probabilmente, secondo gli esperti, per le grandi spese private sostenute dai cittadini. Mentre la misura sociale ha avuto specialmente valore nelle regioni maggiormente esposte all’emergenza Covid-19.

GLI INDICATORI DEL RAPPORTO CREA SANITÀ

Ecco gli indicatori utilizzati nel rapporto:

  • Quota famiglie impoverite a causa di consumi sanitari privati vs aspettativa di vita in buona salute
  • Aspettativa di vita in buona salute vs quota di interventi (carcinoma mammario, frattura del femore, angioplastica, by-pass aorto-coronarico, colecistectomia laparoscopica) effettuati in Centri rispondenti ai requisiti previsti dal D.M. n.70/2015
  • Quota di interventi (carcinoma mammario, frattura del femore, angioplastica, bypass aorto-coronarico, colecistectomia laparoscopica) effettuati in Centri rispondenti ai requisiti previsti dal D.M. n.70/2015 vs Quota interventi eseguiti con tecniche mininvasive
  • Quota interventi eseguiti con tecniche mininvasive vs spesa sanitaria totale pro-capite standardizzata
  • Spesa sanitaria totale pro-capite standardizzata vs quota di famiglie che rinuncia a sostenere spese per consumi sanitari per motivi economici
  • Quota di famiglie che rinuncia a sostenere spese per consumi sanitari per motivi economici vs mortalità evitabile: giorni perduti standardizzati pro-capite
  • Mortalità evitabile: giorni perduti standardizzati pro-capite vs tasso di ospedalizzazione per patologie croniche (diabete non controllato, diabete con complicanze, insufficienza cardiaca, asma nell’adulto, malattie polmonari cronico-ostruttive, influenza nell’anziano)
  • Tasso di ospedalizzazione per patologie croniche (diabete non controllato, diabete con complicanze, insufficienza cardiaca, asma nell’adulto, malattie polmonari cronico-ostruttive, influenza nell’anziano) vs Quota pazienti vivi dimessi non al domicilio
  • Quota pazienti vivi dimessi non al domicilio vs Quota Spesa sanitaria totale pro-capite su PIL pro-capite
  • Quota Spesa sanitaria totale pro-capite su PIL pro-capite vs Quota di cittadini che si curano fuori Regione di residenza
  • Quota di cittadini che si curano fuori Regione di residenza vs Customer satisfaction
  • Customer satisfaction (Quota cittadini molto soddisfatti per l’assistenza medica ed infermieristica in ambito ospedaliero e dei servizi delle Aziende Sanitarie) vs Quota ricoveri medici oltre soglia per over 75
  • Quota ricoveri medici oltre soglia per over 75 vs Quote di assistiti che hanno attivato il Fascicolo Sanitario Elettronico
  • Quote di assistiti che hanno attivato il Fascicolo Sanitario Elettronico vs Incidenza dei consumi sanitari privati delle famiglie sul reddito disponibile.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Aderenza terapeutica, l’appello dei medici di famiglia: «Necessario semplificare il regime farmacologico»
Presentati i risultati dello studio FIMMG-C.R.E.A. Sanità che analizza le principali criticità connesse all’aderenza alle terapie farmaceutiche attraverso il punto di vista dei medici di medicina generale
Farmaci orfani, 2° rapporto OSSFOR fotografa settore in salute. Il Coordinatore Macchia: «Ora politica garantisca stabilità e non tolga incentivi»
Nel 2018 sono stati autorizzati all'immissione in commercio nove nuovi medicinali, per un totale di 95. Diminuisce il tempo di approvazione: da 35 a 11 mesi. Polistena (CREA Sanità): «Serve meccanismo redistributivo per evitare che Asl con più abbiamo difficoltà di budget»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...